adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il discorso degli Oscar

lunedì 28 Febbraio, 2011 | di Roy Menarini
Il discorso degli Oscar
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

La notte degli Oscar sembra aver avuto un vincitore certo, Il discorso del re di Tom Hooper. La critica è già spaccata. Chi non ama il cinema inglese – quello corretto e solido senza sbavature – trova il palmarès molto conservatore. Chi invece è in cerca di buon cinema vecchio stile e di contenuti forti, è ben felice dell’esito degli Academy Award.

La dialettica pare, in verità, molto sterile. Il cigno nero era senza dubbio il film più visionario di tutti, ma possiede un numero di nemici acerrimi che ne hanno detestato gli psicanalismi di maniera. E Il Grinta, che pure ha commosso il grande pubblico, ha riconfermato i fratelli Coen come troppo teorici per l’Academy. Il vero sconfitto è dunque The Social Network, forse la pellicola che più di tutte ha indagato la contemporaneità e il nostro modo di porci in comunità tra di noi, gli uni con gli altri. I meriti del film, agli occhi dei giurati, si sono diluiti fino a diventare incerti, e – come spesso accade agli Oscar – il film in testa alla corsa giunge al traguardo ormai spossato.
Difficile decidere se c’è una “tendenza” dietro a questi Oscar. Di certo, almeno, possiamo dire che il periodo dei premi dati a film tronfi e retorici come Momenti di gloria, Rain Man o Braveheart è definitivamente archiviato. D’altra parte, si continua a premiare un ristretto numero di film solidamente in mano alla grande distribuzione. Il confronto tra Oscar e Sundance, tra cinema prodotto dalle Major e cinema semi-indipendente, rischia di creare due “scuole” filmiche spesso irrigidite e gerontocratiche. Inoltre, Il discorso del re è cinema inglese, e l’anglofonia dei candidati rimane un ostacolo del tutto incomprensibile, se non è limitato agli Stati Uniti.
E se di mancanza di coraggio si deve parlare, allora questa si è rivelata nel non aver premiato Toy Story 3 come film a tutti gli effetti, senza relegarlo tra i cartoon. Quella scelta, sì, avrebbe messo d’accordo tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly