adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il Grinta

lunedì 28 Febbraio, 2011 | di Massimo Padoin
Il Grinta
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Viaggio di una giovane donna
Forse coloro che già avevano visto la prima trasposizione cinematografica del romanzo di Charles Portis, e che in questi giorni sono accorsi al cinema per vedere la versione dei fratelli Coen, avranno focalizzato la loro attenzione sulle performance degli attori che vestono i panni del personaggio principale: John Wayne e Jeff Bridges.

Le differenze tra i due sono evidenti, ma del resto parliamo di attori lontanissimi. E soprattutto l’intenzione delle due pellicole è completamente diversa. Ma per rendersi veramente conto delle dissomiglianze che corrono tre le due produzioni c’è bisogno di parlare del personaggio di Mattie Ross.mediacritica_il_grinta2a Le differenze tra le due protagoniste non si trovano nelle battute recitate, ma negli sguardi, nei silenzi e nei primi piani che i due fratelli e registi concedono alla ragazza, rivelandone i lati più insicuri e umani.

I Coen mettono in scena un viaggio, che non è solo quello che intraprendono il Grinta e soci, ma è prima di tutto il percorso interiore di Mattie Ross, che si trova ad elaborare il lutto del padre ma anche a venire a contatto con il concetto di contrappasso. Infatti la ragazzina per tutta la durata della pellicola sarà anteposta a una serie di eventi che l’avvicineranno in modo sempre più diretto alla morte. Questa è la grande differenza tra le due trasposizioni: nell’edizione del ’69 il tutto gira attorno alla vendetta come unico fine; nel film dei Coen fin dall’inizio la violenza mostrata non ha altro scopo che impressionare e segnare Mattie.

Il film inizia e finisce con un lutto, prima quello del padre quasi impossibile da vedere per via della sfocatura, giustificata da una focalizzazione che intende seguire gradualmente la maturazione della protagonista. Successivamente al cimitero, dopo un lungo viaggio che ha visto anteporre la protagonista alla morte ormai diverse volte, dove la salma del Grinta è stata seppellita. Ma ora tutto è più nitido. La protagonista è consapevole di non esser di fronte a una semplice lapide ma allo stesso tempo è davanti a se stessa e a ciò che l’ha resa una donna.

Il Grinta [True Grit, USA 2010] REGIA Joel e Ethan Coen.
CAST Jeff Bridges, Hailee Steinfeld, Matt Damon, Josh Brolin, Barry Pepper, Dakin Matthews, Domhnall Gleeson.
SCENEGGIATURA Joel e Ethan Coen (remake del film Il Grinta di Henry Hathaway, 1969). FOTOGRAFIA Roger Deakins. MUSICHE Carter Burwell.
Western, durata 110 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly