adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il Grinta

lunedì 28 Febbraio, 2011 | di Edoardo Peretti
Il Grinta
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

I Coen e la fine del mito
Il cinema western è da anni tramontato e isolato a pochi film, per i quali gli appassionati si chiedono se l’opera in questione possa essere coerentemente inserita nello sviluppo e nella “mitologia” del cinema di frontiera, o se si limiti ad essere esercizio di stile e operazione di cinefila nostalgia.

Nel caso dell’atteso Grinta coeniano è certo evidente l’autorialità dei due fratelli, i quali anche questa volta si divertono a rileggere e decostruire il genere cinematografico, usandolo strumentalmente come veicolo per le tematiche, i caratteri e i toni a loro consueti: ritroviamo così il cinismo, l’umorismo sardonico, il substrato nichilista e i personaggi stravaganti e schizzati. D’altro canto, toccando, ancora una volta, alte vette di grande cinema,mediacritica_il_grinta3a aggiungono un tassello importante e significativo alla storia e all’epopea del genere americano per eccellenza.

Il western è il terreno preferito per la mitizzazione e la rielaborazione delle origini, della storia e dell’identità statunitense, e, in questa chiave di lettura, Il Grinta si pone in un momento preciso dello sviluppo della nazione: il passaggio, a fine Ottocento, dalla mitica “età della frontiera”, anarchica, caotica, individualista, simboleggiata dall’eroe, alla formazione di un sistema giudiziario, politico ed economico che poco spazio lasciava ai valori prima dominanti: il passaggio, per intenderci, sintetizzato in L’uomo che uccise Liberty Valance dai personaggi contrapposti del senatore interpretato da James Stewart e dallo sceriffo di John Wayne. Nel film dei Coen, questo processo storico è legato a due elementi: innanzitutto la demitizzazione, anche iconica, dell’eroe, evidente soprattutto se paragoniamo il Cogburn di Jeff Bridges a quello di John Wayne: il Duca compare in scena cavalcando in tutta la sua grandezza, mentre il Cogburn di Bridges si presenta chiuso in una latrina, e poi, in tribunale in una soggettiva della giovane Mattie Ross: se il grinta di Wayne appare sempre dignitoso e con una certa eleganza, i Coen non esitano a mostrare il loro sceriffo sfatto, sporco e vestito da una lercia calzamaglia.

In secondo luogo, la ragazza, dal cui punto di vista si svolge la vicenda, come dimostrano sue soggettive in momenti chiave, è l’embrione dell’affaccendato capitalismo puritano e del dominio ufficiale della “legge” che presto prenderanno il sopravvento, sostituendo i valori del vecchio West: a questo proposito è significativo il fatto che Cogburn appaia per la prima volta, nella penombra, proprio in una soggettiva della ragazza.  Infine l’epilogo: una trentina di anni dopo, la conquista della frontiera è ormai triste attrazione da fiera paesana, e Marie è di fronte alle tombe del padre e del Grinta: la camera rimane fissa con le lapidi in primo piano, mentre lei si allontana fino a uscire dal pro-filmico, simbolo della direzione che sta seguendo il paese.

Il Grinta [True Grit, USA 2010] REGIA Joel e Ethan Coen.
CAST Jeff Bridges, Hailee Steinfeld, Matt Damon, Josh Brolin, Barry Pepper, Dakin Matthews, Domhnall Gleeson.
SCENEGGIATURA Joel e Ethan Coen (remake del film Il Grinta di Henry Hathaway, 1969). FOTOGRAFIA Roger Deakins. MUSICHE Carter Burwell.
Western, durata 110 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly