adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The September Issue

lunedì 28 Febbraio, 2011 | di Matteo Nicola Bottino
The September Issue
Inediti
0
Facebooktwittermail

DVD – USA 2009

Alla corte di Anna Wintour, la “Papessa” della Moda
Non è necessario essere delle fashion victims per apprezzare The September Issue, è sufficiente amare l’arte, la bellezza e voler conoscere il dietro le quinte di una rivista conosciuta in tutto il mondo.

Il documentario diretto e prodotto da R.J. Cutler racconta la genesi del numero di settembre di Vogue America, il più grande e importante di tutto l’anno, quello che anticipa le tendenze della stagione successiva, determinando un giro d’affari di centinaia di migliaia di dollari. La redazione e gli uffici di Vogue hanno aperto la prima volta le loro porte alla troupe di Cutler nel 2007 e le riprese sono durate otto mesi, durante i quali ha potuto documentare la creazione del numero di settembre in tutte le sue fasi, dalle sfilate della Settimana della Moda di New York e Parigi, ai set dei servizi fotografici, passando per le riunioni in cui i redattori del settore moda decidono i contenuti degli articoli, quali stilisti e tendenze saranno presentati nella rivista, fino al momento in cui il numero viene chiuso e mandato in stampa. Ogni singolo aspetto deve essere supervisionato e approvato da Anna Wintour, celebre e controversa Direttrice Responsabile di Vogue America dal 1988, già ispiratrice de Il diavolo veste Prada. E’ lei il cuore e la mente della rivista, per tanto The September Issue è prima di tutto un documentario su Anna Wintour. Dietro il leggendario caschetto e gli immancabili occhiali da sole, si nasconde una delle più importanti e influenti figure dell’industria della moda, la cui opinione è temuta e rispettata sia dai più grandi e affermati stilisti che da quelli emergenti. Nonostante diverse sequenze ricordino da vicino Il diavolo veste Prada, l’approccio di Cutler alla realtà di Vogue e al mondo della moda in generale è decisamente più complice e rispettoso. Il regista ha infatti cercato di restituire una dimensione umana alla figura della Wintour, andando oltre i cliché che erano alla base della maschera impersonata da Meryl Streep. Così, se da un lato The September Issue conferma la freddezza, l’asprezza di carattere e l’esasperante perfezionismo della Wintour, dall’altro scopriamo alcuni aspetti interessanti e intimi della sua storia privata e dei suoi legami famigliari. Con grande intelligenza Cutler ha puntato i riflettori anche su Grace Coddington, Direttrice Creativa di Vogue America dal 1995. Modella di fama internazionale durante gli anni ’60, in seguito a un grave incidente stradale ha intrapreso con successo la carriera di redattrice di moda, diventando una delle migliori stylist in circolazione. Grace Coddington svolge un ruolo cruciale all’interno della rivista e del documentario, facendo da contraltare alla figura della Wintour. Profondamente diverse in tutto e per tutto, persino su un piano estetico e fisico, Anna e Grace rappresentano due anime contrapposte e al tempo stesso complementari della rivista: severa e attenta alle esigenze del mercato e dei lettori la prima, più romantica e creativa la seconda, spesso non vanno d’accordo. Le loro discussioni, fatte di frecciatine al vetriolo e colpi di fioretto, rappresentano alcune delle sequenze più spassose, ma alla fine è proprio l’unione di questi due diversi punti di vista a determinare il successo della rivista. Estremamente godibile, gustoso e divertente, anche grazie ad uno stile fresco e glamour, ma mai banale (la fotografia di Bob Richman è stata premiata al Sundance Film Festival), Il documentario ha il pregio di scavare in profondità in un mondo solitamente considerato superficiale e frivolo, mostrandoci le storie di una squadra di persone straordinariamente appassionate e creative. Come ha scritto Krista Smith sulle pagine di Vanity Fair, “Questo è il vero Il diavolo veste Prada”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly