adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

I ragazzi stanno bene

lunedì 14 Marzo, 2011 | di Francesco Grieco
I ragazzi stanno bene
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Modelli familiari
Cinema indie spesso è sinonimo di tematiche sessuali, sociali, familiari almeno in apparenza anticonformiste e di una più efficace, o verosimile, descrizione della realtà statunitense, in confronto a molti film mainstream contemporanei.

Perciò, se negli anni futuri si parlerà ancora della commedia I ragazzi stanno bene non sarà per particolari meriti estetici, ma per la scelta, non biasimabile, di mostrare una coppia di donne gay, borghesi e benestanti (Julianne Moore, Annette Bening), alle prese con le difficoltà della vita insieme, dall’infedeltà all’educazione dei figli adolescenti, la timida diciottenne Joni e il fratello minore Laser, interpretati da Mia Wasikowska e Josh Hutcherson.
A interrompere la routine di questa famiglia non disfunzionale – i protagonisti di Little Miss Sunshine erano decisamente più nevrotici e inquieti – l’incontro con il simpatico, sorridente sciupafemmine Paul (Mark Ruffalo), padre biologico di Laser e Joni, e i suoi tentativi di instaurare un rapporto con i ragazzi. Le inevitabili difficoltà di comunicazione che si generano tra i personaggi, il sentimentalismo buonista, la comicità tutto sommato innocua, di cui però fa le spese soprattutto l’umile e un po’ ebete giardiniere sudamericano, sembrano indirizzare I ragazzi stanno bene verso un pubblico giovane e di poche pretese. La coppia di attrici principali e l’omaggio a Joni Mitchell nella sequenza più riuscita del film possono conquistare, invece, il consenso di un target secondario di mezza età, progressista e colto.
La Bening si esibisce più volte in impagabili alzate di sopracciglio, mentre alla Moore è concessa l’immancabile scena di pianto. La sceneggiatura, scritta dallo Stuart Blumberg di Tentazioni d’amore con la regista Lisa Cholodenko, prevede dialoghi disinibiti in campo-controcampo, spiritosi ma banali. A dare ritmo alla storia il montaggio di J.M. Werner, rapidissimo soprattutto nella prima parte, con inquadrature della durata di pochi secondi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly