adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Funeral

lunedì 28 Marzo, 2011 | di Roy Menarini
The Funeral
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

E’ stato detto che con Liz Taylor se n’è andata l’ultima vera diva della Hollywood classica. C’è del vero, purtroppo.

Sebbene ormai snobbata e precipitata nel ridicolo a causa di tutti i suoi matrimoni, delle bizzarrie e delle posizioni pubbliche capricciose, la Taylor va ricollocata – ora che non è più tra noi – in quella Hollywood anni Sessanta che cercava di sopravvivere all’ondata di rinnovamento dell’industria cinematografica. In qualche modo Liz Taylor era (già all’epoca) “l’ultima delle dive”, poco prima che giungessero altri volti maggiormente in grado di catalizzare il pubblico rinnovato della New Hollywood, da Jane Fonda a Candice Bergen, da Jill Clayburgh a Diane Keaton, volti ben più metropolitani e vissuti. Facile affermare che se Liz avesse incontrato lo stesso tragico destino di Marilyn, sarebbe stata presto promossa nell’empireo delle star. E invece le dive che invecchiano – medesima sorte avrebbe atteso la Monroe ovviamente – finiscono tutte con l’essere al tempo stesso tenute in vita e umiliate dai mass media. Matrimoni, divorzi, crisi e sfuriate fanno sempre notizia, ma intanto si mette in evidenza il declino di un jet set sempre più triste e decrepito.
Un’ultima zampata, però, Liz, l’ha riservata, in stile Viale del tramonto. Ha fatto giungere il feretro in ritardo al funerale, secondo precise indicazioni scritte sul testamento. Idea straordinaria: ribadire la propria superiorità, la consueta capacità di dominare sul prossimo, sull’interlocutore, sugli astanti e sugli uomini, facendo attendere tutti all’appuntamento finale. Non si può che ammirarla per questo. Addio, Liz. Addio, Hollywood classica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly