adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Giochi non proibiti

giovedì 14 aprile, 2011 | di Francesco Grieco
Giochi non proibiti
Festival
1
Facebooktwittergoogle_plusmail

FilmForum Udine/Gorizia 5-14 aprile 2011

Ercole e Momo. Game Over
Non è un machinima Game Over, il fim di Federico Ercole e Alberto Momo presentato in anteprima presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

Game Over è la scritta che compare al termine di ciascuno dei brevi episodi da cui è composta quest’opera, che si differenzia dai machinima (a cui a Milano l’anno scorso è stato dedicato il primo festival italiano), soprattutto perché aggiunge alle immagini tratte dai videogiochi sequenze di film veri e propri, come il celeberrimo Ordet di Dreyer, Il carretto fantasma di Sjöström, Yi Yi di Edward Yang.
Anche nelle puntate di Playtime, realizzate da Ercole e Momo, con Maicol Casale, per essere trasmesse su Rai4, il montaggio procedeva per analogie e contrapposizioni forti, salti bruschi ed ellissi. Come in Blob, la trasmissione curata, tra gli altri, da Enrico Ghezzi, con cui Ercole ha collaborato a Fuori Orario, sta sempre all’intelligenza di chi guarda cogliere il senso complessivo delle immagini e trovare un filo conduttore che le leghi, al di là delle affinità di natura estetica tra una sequenza e la successiva.
Lo spettatore di Game Over può abbandonarsi al flusso di immagini e provare a destreggiarsi tra lingua italiana e inglese, volti umani e digitali difficili da distinguere, cinema muto e Final Fantasy.
Alla proficua commistione tra i linguaggi dei diversi media, cinema e videogame, ma anche spot pubblicitari (il Pieuvre Armement realizzato per Metal Gear Solid 4), corrisponde sul piano tematico un’alternanza vita/morte, che si manifesta in particolare negli scenari desolati da guerra contemporanea, dove il confine tra la sopravvivenza e la fine dell’esistenza si fa più sottile. La guerra “diventa routine”, recita la voce off. La routine di un videogioco in cui gli scontri avvengono a distanza.
Sui titoli di coda Giulio Tremonti paragona la crisi economica a un videogame. Se perfino Tremonti nelle sue dichiarazioni parla di videogiochi, i tempi sembrano davvero maturi per vedere sugli schermi dei cinema italiani film come questo, in cui nuove e vecchie forme audiovisive si fondono efficacemente.

Giochi non proibiti
VOTA IL FILM

One Comment

  1. Pingback: Game Over – Alles Was Ist Endet | Videogame | Zomia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly