adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

NodoDocFest

giovedì 12 Maggio, 2011 | di Nicole Braida
NodoDocFest
Festival
0
Facebooktwittermail

Trieste 11-16 maggio 2011

Tributo a Carlos Paredes
Movimentos Perpétuos

Siete mai stati in Portogallo? Avete mai passeggiato in mezzo alla gente tra i viali di Lisbona? Coimbra? Oporto? La musica di Carlos Paredes, uno dei maggiori chitarristi portoghesi, artista virtuoso e geniale, ci permette di viaggiare.

È grazie alla sua musica, al “fado”, un genere esclusivamente portoghese, nostalgico, ricco di “saudade”, che Paredes per tutta la sua vita ha continuato a raccontare le sue città, Lisbona in particolare, il mare, le atmosfere, i sentimenti.
A Trieste, nella cornice del Nododoc, Festival internazionale del documentario, ormai alla sua quinta edizione, è stata inaugurata la nuova sezione Panorama che si dedica a raccontare la cinematografia emergente di un paese europeo.
Il Portogallo quest’anno parla di sé, e lo fa iniziando con un opera del regista Edgar Pera. Un documentario innegabilmente sperimentale, girato in super 8, con immagini antiche e moderne, che ritraggono i volti, i luoghi della musica di Carlos Paredes. Mentre le sue dita toccano la chitarra le immagini scorrono avanti e indietro al suo ritmo, si fermano, vorticano in danze folkloristiche. Rimane sempre però un misto di nostalgia e tristezza, un forte sentimento verso il passato, verso il ricordo. Diviso in 17 movimenti, il documentario intitolato Movimentos Perpetuos, è corredato da interviste a personaggi della scena portoghese, collaboratori ed amici di Paredes, e dalle parole di egli stesso. Partendo dalle riprese di un suo concerto veniamo trasportati dall’andamento sinuoso della sua musica e dalle immagini, che a volte si fanno pure sperimentazioni coloristiche su pellicola. Paredes diceva che nessuno puo’ essere così originale da riuscire a suonare dimenticando il suo patrimonio culturale, o la sua origine aggiungo anch’io. E di certo né lui, né il regista Pera lo fanno. Ed è questa la potenza dell’opera, semplice ma allo stesso tempo profonda e toccante. Grazie sicuramente ad una musica indimenticabile, e che trascende le atmosfere del Portogallo per giungere alle corde della nostra anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly