adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Tree of Life

sabato 21 Maggio, 2011 | di Lisa Cecconi
The Tree of Life
Speciale
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

La magia del simbolo
C’è qualcosa, nel cinema di Malick, che si insinua nell’anima e le sussurra. E’ qualcosa di più del ricorrere di una voce, o della bellezza intatta di un’immagine.

E’, forse, l’incontro di entrambe o, meglio, la distanza che le separa e che fa sì che si rincorrano e si accavallino, anelandone il superamento. Dei suoi cinque film -lungamente cullati- The Tree of Life è probabilmente il più personale e, al tempo stesso, quello che dichiaratamente affronta le incognite dell’esistenza a partire dalle sue radici, siano esse la nascita del cosmo o la pianta minuscola del piede di un bambino.
La storia di Jack O’Brian (Sean Penn), la sua infanzia nel Texas degli anni ’50,  sono il pretesto per una riflessione  sugli aspetti più intimi della vita, intessuti di un valore profondamente simbolico. La madre (Jessica Chastain) che, assorta, carezza la psiche-farfalla, risplende d’amore puro e incondizionato, lo stesso che si fa impronta rossa sul piede del figlio e dilaga incontenibile nella gelosia colpevole della pubertà. Di segno opposto l’archetipo paterno (Brad Pitt), mentore despota e autoritario, costretto a garante della disciplina e al ruolo ingrato di  primo rivale. La tensione duale si traduce per Jack nella ricerca di una sintesi che include perdita e accettazione, comprensione sofferta e dolorosa memoria, attraverso un’angoscia esacerbata dalla morte prematura del fratello. Malick si immerge nel flusso di un’opera liquida e suggestiva, che alle immagini cosmogoniche e alla densità materica dei quattro elementi oppone luoghi psichici di struggente intensità. La macchina da presa restituisce il senso profondo di questo vagare, seguendo i personaggi per poi lasciarli, incontrarli di nuovo o incontrarne di nuovi. E’ uno sguardo che esplora, che sbircia oltre le tende e cammina incontro al sole, scruta i volti e ne spia le reazioni. Il montaggio, sempre più ellittico e indipendente, segue intenti sinfonici più che drammatici, mentre la Grazia e la Natura, forze motrici dell’esistenza, si alternano e si fondono nell’usuale accuratezza della colonna sonora. Dei film precedenti ritornano i simboli (la fiamma della candela, la casa irraggiungibile) e i concetti (la violenza endemica della natura che colpisce anche chi è giusto) che trovano, qui, ulteriore sviluppo senza per questo congelarsi in una risposta definitiva. E’, piuttosto, nella sfuggente complessità della vita, nello splendore eternamente mobile del suo manifestarsi che sembrano poter convivere amore e violenza, dono e possesso, generosità e sopraffazione. Non sorprende, quindi, che l’ultima immagine sia quella di un ponte, estremo emblema di riconciliazione e  costruzione di un equilibrio stabile al di sopra di ciò che incessantemente muta. Se molto cinema contemporaneo rivendica l’urgenza di un legame autentico e intuitivo con la sfera simbolica, Malick lo costruisce dall’evolversi di un percorso lungo decenni. La via della Grazia è anche la via della Natura.

The Tree of Life
VOTA IL FILM

One Comment

  1. Pingback: Qui - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly