adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Festival Mix Milano

venerdì 27 Maggio, 2011 | di Matteo Nicola Bottino
Festival Mix Milano
Festival
0
Facebooktwittermail

Milano 25 – 31 maggio 2011

Les amours imaginaires
“Bang bang! Io sparo a te Bang bang! Tu spari a me Bang bang! E vincerà Bang bang! Chi al cuore colpirà”

Les amours imaginaires, secondo lungometraggio scritto, diretto e interpretato da Xavier Dolan, enfant prodige del cinema franco-canadese (classe 1989!), dopo essere stato presentato nel 2010 al Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard, dove ha vinto il premio Regards Jeunes, ha inaugurato la 25° edizione del Festival Mix Milano.Francis (Xavier Dolan), look anni ’80 e ciuffo alla James Dean, e Marie (Mona Choukri), sofisticata ed elegante, tutta fili di perle, tubini e foulard in stile Audrey Hepburn, o “casalinga anni ’50” come la apostrofa una ragazzetta troppo dozzinale per comprendere e apprezzare il suo stile vintage, sono amici. Quando conoscono a una festa Nicolas (Nils Schneider), bellezza angelica e delicata dai boccoli biondi e i grandi occhi verdi, se ne innamorano entrambi perdutamente e cercheranno in tutti i modi di conquistarlo, lanciandosi in una competizione senza esclusione di colpi. Da parte sua, Nicolas li seduce con improvvisi slanci d’affetto, flirta con entrambi attraverso gli sguardi, i non detti e le mezze parole, li stuzzica, li provoca ma non si espone mai davvero, non dimostra una chiara preferenza nei confronti dell’uno piuttosto che dall’altra. Dopo il folgorante film d’esordio J’ai tué ma mère, vincitore di tre premi al Festival di Cannes nel 2009, Xavier Dolan affronta con talento e originalità un tema piuttosto abusato come il triangolo amoroso à la Jules e Jim. Francis e Marie sognano, desiderano, venerano Nicolas, gli lasciano messaggi sulla segreteria telefonica, gli inviano per posta poesie battute a macchina e sigillate con la cera lacca ma, a differenza dei protagonisti del celeberrimo film di Truffaut o dei dreamers di Bertolucci, non riescono a consumare il loro amore, destinato a rimanere solo immaginario. Il susseguirsi di dialoghi acuti, brillanti e sarcastici smorzano il contenuto drammatico, amaro e malinconico del film. Dolan ha gusto e stile per le immagini, i dettagli, siano essi corpi, oggetti, abiti, architetture o paesaggi. Crea interessanti contrappunti musicali ed emotivi usando con intelligenza e consapevolezza una colonna sonora che spazia da Bang Bang di Dalida, vero e proprio leitmotiv/tormentone del film, al meglio della musica elettropop, hip hop e indie rock europea degli ultimi anni (Vive la Fête, The Knife, Fever Ray, House of Pain, Comet Gain), passando per la melodie di Bach e Wagner. La struttura narrativa alterna alle vicessitudini dei protagonisti gustose videoconfessioni in cui ragazzi e ragazze si raccontano e parlano di amori finiti o di amori fortemente desiderati ma mai vissuti, altri amori immaginari per l’appunto. Dolan dilata spesso l’azione e il tempo con il ralenti, sottolineando così le estenuanti e infinite attese che Francis e Marie vivono nella speranza di un bacio, una carezza o un segnale di Nicolas, i preparativi meticolosi e quasi solenni che precedono i loro incontri, i momenti di intimità mancata e di sesso occasionale che hanno con persone di cui non sono realmente innamorati, né tanto meno interessati. Perché alla fine “non è tanto una questione di scopate”, l’importante è trovare qualcuno con cui scaldarsi quando inizia a fare freddo e bisogna accendere il riscaldamento, non dover più apporre l’ennesimo segno sul muro del bagno perché si è stati respinti ancora una volta, “l’importante è svegliarsi insieme a qualcuno. È dormire a cucchiaio. È questa la cosa importante, il cucchiaio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly