adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Big C – Season 1

lunedì 27 Giugno, 2011 | di Matteo Nicola Bottino
The Big C – Season 1
Serie TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Sono qui tutto l’anno e mi esibisco al quarto stadio
Melanoma al quarto stadio, l’ultimo, un anno di aspettativa di vita al massimo. Questa è la diagnosi che ha ricevuto Cathy Jamison (Laura Linney) madre, moglie e insegnante di liceo perfettina e un po’ noiosa della provincia americana.

Non ne ha ancora parlato con nessuno, nemmeno con la sua famiglia, o meglio, ci ha provato ma il momento non era mai quello adatto. Cathy rifiuta la chemio, le farebbe guadagnare solo poco tempo, perderebbe i capelli che ha sempre amato alla follia ma soprattutto un sacco di persone dovrebbero assisterla e non è nel suo stile. Già, perché Cathy ha passato la sua vita a preoccuparsi prima di tutto degli altri e dei loro bisogni ma la scoperta della malattia le fa aprire gli occhi, cambiare prospettiva e atteggiamento verso le cose e le persone. Quella grande C diventa inaspettatamente l’iniziale di Carpe Diem e in lei emerge la voglia, l’esigenza di impiegare meglio il poco tempo rimasto. mediacritica_big_c_290Non c’è più spazio per i convenevoli e le convenzioni, per Cathy è giunto finalmente il momento di prendersi il proprio spazio, essere se stessa, anche e soprattutto se questo significa apparire scomoda e diretta. Butta fuori di casa il marito infantile ed egoista (Oliver Platt) perché si rende conto di poter crescere un solo ragazzino alla volta e ha scelto il figlio viziato e dispettoso (Gabriel Basso), stringe amicizia con l’anziana vicina di casa scorbutica e misantropa (Phyllis Somerville), decide di aiutare una sua alunna infelice e arrabbiata con la vita perché obesa (Gabourey Sidibe), inizia ad accettare il fratello maggiore (John Benjamin Hickey), ecologista integralista che per vivere a impatto zero è diventato un senza tetto. In poche parole Cathy, per la prima volta, assapora la libertà, diventa LEI quella che sporca il divano con il vino e compie gesti inaspettati e imprevedibili. Riuscire a ironizzare e divertire affrontando un argomento delicato e doloroso come il cancro, quella grande C con cui tutti noi, almeno una volta, siamo venuti a contatto direttamente o indirettamente, è la sfida alla base della serie targata Showtime, di cui è da poco iniziata la messa in onda su Sky, canale Fox Life. Una sfida che si può dire ampiamente vinta, soprattutto grazie a una scrittura brillante e acuta, una qualità tecnica di alto livello e un cast superlativo capitanato da Laura Linney, anche produttrice esecutiva della serie, che proprio per questo ruolo ha vinto un Golden Globe. The Big C fa piazza pulita del pietismo, gli stereotipi, il buonismo e i tabù che circondano il tema della malattia, in particolare il cancro, scegliendo giustamente la via della tragicommedia. “Death Comedy”, come dice Cathy nel monologo che chiude l’episodio pilota diretto da Bill Condon (Demoni e Dei, Kinsey, Dreamgirls, The Twilight Saga: Breaking Down parte 1 e 2). Un monologo che suona come una vera e propria dichiarazione di intenti, che spiega e anticipa allo spettatore quale sarà la poetica della serie. “Ti avverto, queste risate potrebbero diventare un singhiozzo in un secondo” ed è davvero così, dopo aver riso per circa 30 minuti arriva, in punta di piedi, il momento della commozione, sincera e delicata, perché in fondo anche se si scherza, si ride e si sdrammatizza sempre di malattia, di vita e di morte si sta parlando.

The Big C [id., USA, 2010] IDEATORI Darlene Hunt.
CAST Laura Linney, Oliver Platt, Gabriel Basso, Phyllis Somerville, Gabourey Sidibe, John Benjamin Hickey.
Dramedy, durata 30 minuti (episodio), stagioni 1.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly