adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Bookmakers a Venezia

giovedì 1 Settembre, 2011 | di Roy Menarini
Bookmakers a Venezia
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

I bookmakers inglesi hanno già quotato i vincitori della Mostra del Cinema di Venezia. Il favorito è A Dangerous Method di David Cronenberg.

festival_di_venezia_2011La cosa è sorprendente, non tanto per il film su cui si appuntano le scommesse più “sicure”, quanto perché si tratta di una competizione decisa da una giuria ristretta – differente, cioè, dai campionati sportivi dove vince il più forte o dai premi dati con giurie amplissime (gli Oscar, per esempio). Notoriamente, le giurie internazionali sono imprevedibili. Forse i bookmakers hanno tenuto conto dei gusti del presidente Darren Aronofsky? Della composizione del gruppo di giurati? Non crediamo. Piuttosto, i bookmakers puntano sulla misurabilità della previsione cinematografica, una specie di algoritmo del buon senso per cui si calcolano la carriera dell’autore, l’originalità del progetto, la solidità produttiva della pellicola, il probabile consenso cinefilo di fronte a una filmografia quasi sempre accolta con entusiasmo… e così via. Insomma, Cronenberg – forse insieme a Polanski – è il più affidabile tra i registi e i film in concorso, mentre molti altri in gara potrebbero oscillare tra enorme sorpresa e cocente delusione, quindi vengono considerati spacca-giuria. Vedremo a fine festival se i cinici bookmakers avranno imbrigliato anche l’arte cinematografica nei loro calcoli di prevedibilità e monetizzazione del cinema d’autore. Vale del resto la pena ricordare che, alcuni giorni prima dell’inizio del festival di Cannes, gli allibratori britannici avevano indicato The Tree of Life di Terrence Malick come sicuro vincitore, con distanza molto netta dal secondo su cui scommettere. Materia su cui riflettere. Materia, inoltre, che rilancia la questione festival. Che cosa sono, a chi servono, e perché? Venezia appare la mostra con più confusione in testa su quel che vuole essere. Muller, che gode di stima largamente superiore ai suoi reali meriti (a cominciare da quello dell’indipendenza politica: si veda l’ignominioso caso di Box Office 3D quest’anno e di Michelle Bonev nel 2010), non ha mai sciolto il mistero sulla soggettiva vocazione della “sua” Mostra. Non si tratta, tanto, di bontà dei film proposti quanto di natura della selezione. Meglio rifugiarsi nella vera sezione di ricerca, quell’Orizzonti che i curatori, tra cui Sergio Fant, hanno inventato con lungimiranza meritevole di ben altra attenzione critica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly