adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il villaggio di cartone

giovedì 13 ottobre, 2011 | di Edoardo Peretti
Il villaggio di cartone
In sala
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Per fare del bene non è necessaria la fede
C’è un piccolo momento molto significativo ne Il villaggio di cartone: nel tabernacolo che i clandestini hanno spostato nel centro dell’edificio sacro ormai chiuso e abbandonato per raccogliere la pioggia che entra dalle vetrate del tetto, il disegno e i colori di quest’ultima sono riflessi nell’acqua, accompagnati da un placido commento musicale: appare così, sul pelo dell’acqua, la colomba raffigurata nella vetrata.

Questo è uno dei pochi momenti chiaramente di serenità del film, dove la speranza che Dio esista, messa continuamente in discussione dal parroco protagonista e dal regista, sembra avere una risposta positiva, e dove il convitato di pietra, sempre nostro Signore, sembra essere effetivamente presente.

Olmi continua il discorso e la provocazione iniziati in Centochiodi (rispetto al quale Il villaggio di cartone è un gradino sotto), e prosegue la riflessione sul senso della fede, sui suoi effetti e sul rapporto con il mondo circostante e la modernità. Lo fa mettendo in scena una semplice favola morale, quasi una parabola evangelica, con anche il didascalismo e lo schematismo del caso (che si vede soprattutto nella rappresentazione degli immigrati, meno “sentita” e riuscita rispetto ad altre tematiche del film), e con il prete protagonista che assume il ruolo di una sorta di vecchio Gesù Cristo roso dal dubbio sulla sua stessa fede, ma che riesce a ricevere nuovo nerbo dalla carità offerta ai clandestini accampati nella sua chiesa. Come nello “stile vangelo”, grande importanza viene data al Verbo, e non mancano i grandi proclami e le frasi madre, così come è presente l’insegnamento finale, riportato a chiare lettere in sovraimpressione nell’ultima inquadratura del film.
Se in Centochiodi era la secolare cultura religiosa presente nei libri ad essere inchiodata davanti all’accusa di inutilità, qui il dito è puntato contro l’edificio stesso, che diventa utile solo quando viene abbandonato e chiuso, e contro il senso stesso della fede, efficace e valida solo se supporto della carità. Quest’ultimo sentimento è per Olmi la chiave di forza del cristiano, e dell’uomo in generale, l’unico con cui si può pensare di “cambiare il corso della storia”, e l’unico che, il regista sembra suggerirci tra le righe, può assumere una valenza rivoluzionaria.

Il parroco protagonista assume una valenza tragica rara nel cinema italiano degli ultimi anni, e diventa la voce del regista veneto, diviso tra il fascino di un cattolicesimo antico e rurale e una sorta di diffidenza, contadina anche essa, verso la religione ufficiale, e soprattutto cantore di un mondo in via di estinzione. Questo non significa che Olmi abbia fatto un film puramente nostalgico e anacronistico, fuori dalla modernità e dalla storia: c’è, al contrario, un senso profondo politico e storico importante e sottolineato a grande voce. L’invito alla potenza rivoluzionaria della carità e alla necessità di togliere orpelli di qualsiasi tipi per mettere l’uomo al centro dell’azione, condivisibile o meno, non è il punto, è segno di una visione del mondo e della storia forte e coerente, che conferma Olmi come uno dei pochi registi “pensatori” rimasti.

Il villaggio di cartone
2 1 40%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly