adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Lezioni di piano

giovedì 17 Novembre, 2011 | di Alice Cucchetti
Lezioni di piano
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Cult, venerdì 18 novembre, ore 21

Voci mute
“Siete voluta entrare nella stanzetta!” gridò Barbalù. “Ebbene, ora vi tornerete e prenderete posto accanto a quelle dame che avete visto là dentro! E perché non parliate mai, vi taglierò la testa!”

lezioni_di_pianoNel melodramma, quasi sempre, a parlare sono i colori. Il melodramma è spesso retorico, ridondante, straborda simbolismi e sottolinea ciò che dice dietro le parole. E’ una questione di pancia, più che di ragione. Può precipitare nel baratro della stucchevolezza, oppure sfiorare vette sublimi. Per raccontare la storia di Ada, Jane Campion non si risparmia nulla: una colonna sonora fiume che travolge tra le note di pianoforte, una fotografia desaturata che ha perennemente i colori della malinconia pomeridiana, della fine dell’estate. Non si risparmia le similitudini, i rimandi, i rispecchiamenti di senso. Dalla macabra fiaba di Perrault Barbablu, al romanticismo gotico di Cime Tempestose. Dall’equivalenza tra mutismo e incomunicabilità, dalla corrispondenza tra sessualità e natura selvaggia, al contrasto tra una civilizzazione opprimente e una wilderness indomita e libera. Ada non parla, nemmeno lei sa perché. Ha una figlia senza padre, un matrimonio combinato, un pianoforte abbandonato su una spiaggia ai confini del mondo. La musica è la sua unica voce, perfino quando è silenziosa come il suono di tasti disegnati sopra un tavolo di legno. La sua lingua è universale, ma non tutti sanno ascoltarla o comprenderla. In molti credono Ada pazza, il marito Stewart esce di senno per una gelosia solo teorica e per una moglie che non ama, l’amante Baines costruisce una via di fuga folle che è scoperta di un sé più profondo, di un piacere incontenibile fino ad allora represso e negato, di una relazione che sia reciproca e non gerarchica. E poi, il melodramma: una bimbetta sventata e cattiva come solo gli infanti sanno essere, un segreto ingenuamente affidato alla parola scritta, in un universo in cui l’alfabeto tradisce. Stewart taglia alla moglie infedele il dito di una mano, cieco di rabbia, più che di gelosia, per la propria incapacità di comprendere quella voce che (a lui) non parla. Il melodramma è così: necessita di un punto supremo di disperazione assoluta, quello in cui tutto sembra perduto e senza rimedio. Per spingere all’azione, alla ribellione, alla passione, più che a un (superfluo) lieto fine. Ada lascia il marito, ritrova se stessa, abbraccia il piacere e il dolore di sentimenti assordanti. Non prima di un ultimo, mai sopito, brivido: mutilata nell’espressione della propria voce, fa seppellire in mare il pianoforte e si incatena a lui, lasciandosi trascinare sul fondo dell’oceano. Se non fosse che l’istinto, sempre lui, si mette di mezzo: sopravvivere a tutto, anche a se stessi, imperativo oltre la ragione e oltre la passione. Ada si libera, riemerge. E’ un sogno oppure un incubo, quello che tornerà a tormentarla anche durante l’epilogo felice, quello in cui lei, novella Ofelia, riposa serena e sospesa sopra al pianoforte, sotto la superficie delle onde, in un silenzio assoluto ed eterno? Il melodramma ci dice questo, parlandoci con gli occhi e con le suggestioni: che non c’è vita senza passione, non c’è anima senza conflitto. E la pace non è di questo mondo, se non nei sogni, o negli incubi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly