adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Un lupo mannaro americano a Londra (1981)

giovedì 24 Novembre, 2011 | di Mattia Filigoi
Un lupo mannaro americano a Londra (1981)
Film History
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

Attenti alla luna
Tra i registri chiamati a misurarsi nell’esperimento televisivo Masters of Horror, tra i vari Carpenter, Argento, Hooper e Gordon figura anche John Landis, il Landis di Animal House, dei Blues Brothers, di Una poltrona per due, quel Landis che ha un posto d’onore nel pantheon dei registi che hanno fatto grande il cinema grottesco e demenziale.

Cosa c’entra Landis con l’orrore, quindi? Un lupo mannaro americano a Londra è la risposta. Se escludiamo Amore all’ultimo morso (1992), carino ma non del tutto riuscito, Un lupo mannaro americano a Londra è la sola escursione di Landis nell’horror, ma tanto basta a iscriverlo nei masters del genere.mediacritica_un_lupo_mannaro_americano_a_londra_290 Perché Un lupo mannaro americano a Londra è un capolavoro, un’opera unica e indimenticabile. Certo, qualche mese prima era uscito L’ululato di Joe Dante, che con il lupo mannaro di Landis ha molto in comune, a cominciare dalla miscela di umorismo demenziale e horror, fino all’intelligente citazionismo cinematografico e televisivo e all’uso innovativo degli effetti speciali. Landis però riesce a fare di più: equilibra magicamente toni da commedia e toni orrorofici, spiazza continuamente lo spettatore con repentini cambi di registro e non ha paura nell’usare il grand guignol, anzi se ne serve con grottesca perizia, nello stile dei Monty Python. Due studenti americani, David e Jack, in vacanza in giro per l’Europa, nella fredda brughiera inglese vengono attaccati da un lupo mannaro: Jack viene ucciso, David morso, diventando a sua volta un licantropo. Curato in un ospedale di Londra, David è continuamente perseguitato da incubi tremendi e dal fantasma di Jack, che cerca di indurlo al suicidio: è l’unico modo per spezzare la maledizione del licantropo, e permettere alle sue vittime, costrette a vagare sulla Terra a causa della loro morte innaturale, di crepare definitivamente. Il suicidio è però l’ultimo pensiero di David, che si è innamorato, ricambiato, della bella infermiera che lo aveva in cura. Riuscirà l’amore a sconfiggere la maledizione? L’incredibile è come Landis sia riuscito non a girare un horror comico, ma un film di difficile catalogazione. L’acuto humour nero, mai fine a se stesso, mai urlato ma comunque sempre presente, che si insinua tra citazioni cinematografiche (qui i classici della Universal con Lon Chaney), parodie televisive e critica sociale, trova in Un lupo mannaro americano a Londra una sintesi perfetta e tuttora ineguagliata con le atmosfere tipiche dell’horror. Ed è geniale l’uso straniante di una colonna sonora composta di placide canzoni anni ’50 sul tema della luna – come Blue Moon – che fungono da voce off e bizzarro commento alle immagini, come splendidi e innovativi sono gli effetti speciali di Rick Baker, che si contendono con quelli de L’ululato il primato di mostrare in diretta la metamorfosi di un uomo in lupo. Un lupo mannaro americano a Londra è un film epocale, perfetto in ogni suo elemento e unico nel suo genere: semplicemente, un film imperdibile.

Un lupo mannaro americano a Londra [An American Werewolf in London, Gran Bretagna/USA 1981] REGIA John Landis.
CAST David Naughton, Griffin Dunne, Jenny Agutter, John Woodvine, Frank Oz.
SCENEGGIATURA John Landis. FOTOGRAFIA Robert Paynter. MUSICHE Elmer Bernstein.
Horror, durata 97 minuti.

One Comment

  1. Pingback: Scappa - Get Out - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly