adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il grande Lebowski (1998)

lunedì 28 Novembre, 2011 | di Nicole Braida
Il grande Lebowski (1998)
Film History
5
Facebooktwittermail
Voto autore:

Take it easy
Un tale giornalista di nome Oliver Benjamin fonda nel 2005 il “dudeismo”: una nuova religione, che riprende la sua filosofia da un personaggio cult del cinema fine anni ’90, Jeffrey “The Dude” Lebowski, protagonista di Il grande Lebowski. Il Logo che identifica questo stile di vita alternativo è la riproduzione di una palla da bowling, ispirata però al simbolo del Tao.

Per sintetizzare il punto cardine di un film come The Big Lebowski partiamo da un semplice concetto, o meglio oggetto: la palla da bowling. Dude (o Drugo, nella traduzione italiana) non è un eroe, è un uomo (come ci ricorda la voce narrante/attante di un certo cowboy dell’ovest). Ma cosa distingue un uomo? Non è forse, come ci dirà Big Lebowski (l’altro, quello miliardario)mediacritica_grande_lebowski_290 “essere preparati a fare la cosa giusta, a qualsiasi prezzo”? “Certo, ed un paio di testicoli”, risponde Jeff (Bridges) Lebowski. Dude è come una palla da bowling, suo sport (?) eletto, sua unica ragione di vita, se una ce ne deve essere. Lui rotola come le palle lanciate dai giocatori sulla pista da bowling e poi torna, strike o gutterball, implacabilmente indietro, pronta per essere rilanciata. Ed è così il senso anche di ogni storia e della Storia stessa (“l’eterna ruota rotante” di Nietszche, un nichilista, come ne vedremo anche nel film). La voce narrante, un cowboy dai lunghi baffi, ci introduce Dude nella sua essenza: pigiama, vestaglia, ciabatte, capelli e barba lunga, il residuo di un tempo (il ’68), un hippie che si ritrova catapultato negli anni Novanta tra l’apparente opulenza di un mondo senza identità. Ma Dude non è un uomo legato al passato, è uno che si è abituato all’idea che le cose possono anche finire, al contrario del suo amico Walter, reduce del Vietnam, che si preoccupa ancora di custodire il cagnolino dell’ex moglie in vacanza e non perde occasione per ricordare la sua esperienza in una “valle di lacrime”. Per i Coen l’uomo è un perdente, uno che si lascia spingere all’azione solo dalle opinioni altrui, eppure sa il fatto suo. Se il noir è il filo conduttore di un’apparente trama, sono il bowling e l’ispirazione ai musical di Busby Berkeley a regalare una confezione sparkling al film. Nelle sequenze lisergico-oniriche Dude si trasforma nella sua essenza, nella palla da bowling, e insieme a lui, in soggettiva, vediamo il mondo rotolarci attorno. Non farà strike, non lo vedremo mai lanciare una palla, lui sarà lo stesso vettore degli eventi, spinto come in un flipper pin-ball. Il nostro culto per Dude nasce proprio dalla distanza che noi tutti vorremmo prendere in una sequenza di vicende, allo stesso modo in cui nel film il conflitto americano-iracheno rimane sempre un rumore di fondo. Dude non si addentra, attraversa la storia come una veloce palla da bowling, ma forse ha fatto strike su di noi, ci ha spiazzato, ed è tornato indietro al suo posto. Sul suo tappeto, a fumarsi dell’ottima marijuana calato nei suoi pantaloni batik e a sorseggiarsi un buon White Russian.

Il grande Lebowski [The Big Lebowski, USA/Gran Bretagna 1998] REGIA Joel ed Ethan Coen.
CAST Jeff Bridges, John Goodman, John Turturro, Steve Buscemi, Julianne Moore.
SCENEGGIATURA Joel ed Ethan Coen. FOTOGRAFIA Roger Deakins. MUSICHE Carter Burwell.
Commedia, durata 117 minuti.

5 Comments

  1. Nicole Braida nicole says:

    Questo film lo rivedrei in continuazione

  2. dudeforpresident says:

    questo non è un film, è IL film!

  3. riki says:

    visto almeno una 20ina di volte….alcune scene un ceintinaio

  4. őüáp says:

    lallero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly