adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Elephant Man (1980)

giovedì 22 Dicembre, 2011 | di Eleonora Degrassi
The Elephant Man (1980)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

La meraviglia della deformità
«È il più grande aborto di natura del mondo”; brutto, malato, percosso dalla vita e dal suo “padrone”: questa è la storia vera di Elephant Man, vissuto a Londra tra il 1862 e il 1890, affetto dalla “sindrome di Prometeo».

Capiamo fin da subito che The Elephant Man, secondo film di David Lynch, ruota intorno agli occhi e alla paura. John Merrick è l’uomo elefante, concrezione “carnale” di bruttezza “disumana” e di terribili protuberanze; tanto struggente è il suo aspetto da rigare il volto del medico Treves, che sottrae il fenomeno da baraccone al perfido Bytes per ricoverarlo al London Hospital. Da una parte c’è la gente con la paura del Mostro, essere per cui si piange, si urla, da cui si scappa; dall’altra c’è John che teme la sua stessa deformità perché la vede riflessa sul volto terrorizzato degli altri. La paura è strettamente legata al guardare, feticistico e libidinoso: il regista vuole tutelarci/lo, insegnandoci e preparandoci a guardare il prodigium, ma non direttamente: filtrato attraverso gli occhi di chi guarda, presentandoci i suoi contorni, falsati da cappuccio e pesante mantello. Ma neppure John si vede, anche per lui il suo corpo è una terra straniera, non si è mai visto allo specchio, l’unica superficie riflettente è il volto degli altri. Avvertiamo lo “schifo” e il raccapriccio, vediamo le sue affezioni tumorali attraverso gli occhi dei medici che assistono al congresso, percepiamo le linee del corpo dell’uomo elefante, deformate dalla malattia. John e Treves instaurano subito un rapporto di fiducia, il paziente si mette nelle mani di quel dottore, quell’uomo umano, delicato e lungimirante, che lo accoglie in casa sua, ed è il medico, per primo, che inizia a conoscerlo veramente e in questo gioco di smascheramento anche John inizia a scoprirsi e a capirsi, a prendere coscienza del suo “esserci” nel mondo. L’uomo elefante si spoglia della sua mostruosità a poco a poco per presentarsi solo come John Merrick, anima bella, “di un’intelligenza superiore”, dotato di “mente raffinata”, educato, gentile, maniacale nella cura dei dettagli per fare un’impressione buona. Mentre di giorno i ricchi londinesi vanno a far visita al “caso” per apprezzarne cuore e intelligenza – più cavalcando l’onda del momento che per pietà umana –, di notte John, “visitato” e guardato dalla Londra più infima e squallida, si rigira nel letto e l’occhio del regista si sofferma sulle escrescenze tumorali, sulle mani che stringono forte il lenzuolo, sul corpo che si contorce. The Elephant Man è un film intenso, probabilmente ancora più struggente grazie all’uso del bianco e nero, che scarnifica e “poeticizza” una storia già ricca di crudezza, accarezzando gli animi con occhio diretto ma intriso di lacrime. Quando John è pronto ad avere un suo sguardo, noi abbiamo ormai intessuto con lui un rapporto tale che ci permette di guardare il mondo con i suoi occhi puri e ingenui e le soggettive, le folgorazioni implosive/esplosive – che portano in sé la meraviglia del cinematografo – e piene d’amore (“la mia vita è bella perché so di essere amato”) acquistano un valore dis-umano, sovra-umano, troppo umano.

The Elephant Man [id., USA/Gran Bretagna 1980] REGIA David Lynch.
CAST Anthony Hopkins, John Hurt, Anne Bancroft, Hannah Gordon.
SCENEGGIATURA Christopher De Vore, Eric Bergren, David Lynch. FOTOGRAFIA Freddie Francis. MUSICHE John Morris.
Drammatico/Biografico, durata 123 minuti.

The Elephant Man (1980)
4 3 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly