adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York (1968)

martedì 27 dicembre, 2011 | di Mattia Filigoi
Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York (1968)
Film History
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Scherzi pesanti a New York
“Non credo né a Dio, né al Diavolo e sono doppiamente incapace di avere paura del mio film, che mi annoia molto”. Così Roman Polanski ai Cahiers du Cinéma, appena uscito il suo Rosemary’s Baby.

Una provocazione, certo, eppure sembra una burla, questo film, con tutti i suoi passaggi improvvisi da realtà a sogno ad allucinazione, la sua triste e inquietatane nenia infantile di sottofondo (che tanto userà poi Dario Argento), i suoi personaggi grotteschi, bizzarri nei loro completi sgargianti. Un esercizio di stile horror, costruito su stereotipi come la casa maledetta e la possessione demoniaca. Non a caso, a produrre è William Castle, grande artigiano dell’horror anni ’50 e ’60, che con case maledette e sedute spiritiche aveva fatto (relativa) fortuna, e che verrà celebrato da Joe Dante nel suo Matinèe (1993). Il colpo di genio, che trasforma Rosemary’s Baby da burla a scherzo pesante, è stato quello di cambiare ambientazione e contesto sociale di questi stereotipi: la casa maledetta non è più una bicocca isolata, ma un appartamento in centro a New York; la setta satanica è nascosta nell’altra borghesia e tra i “notabili”, non tra i poveracci  sbandati e creduloni dei bassifondi. Non meno importanti sono i riferimenti a dicerie e personaggi ai tempi attuali: la figura di Adrian Marcato, capo setta nel film di Polanski, è ricavata da quella di Alistair Crowley, demonolatra che si dice sia stato in grado di evocare un diavolo, personaggio di grande ispirazione per la scena underground, e soprattutto per Kennet Anger. Vi è poi la l’ambientazione temporale del film: Rosemary partorisce il figlio di Satana il 6 giugno 1966. A parte l’ovvio riferimento al numero del diavolo, il 666, il 6 giugno 1966 era anche la data che molti movimenti satanici hippy consideravano come il giorno della venuta dell’Anticristo su questo mondo. Il messaggio, grottesco, provocatorio, appunto da scherzo pesante, era che il Diavolo è vicino a noi, a tutti noi. È al nostro fianco, ci segue per strada. Entra tranquillo nella nostra casa, nel nostro letto, in noi stessi. E invece che combatterlo, lo accettiamo, come fa Rosemary, che acconsentirà di fare da madre al figlio satanico. Era nato il cinema demoniaco moderno, quel filone dell’horror che porterà a L’esorcista (1973) e a Il presagio (1976), passando per una miriade di copie e fotocopie più o meno riuscite, provenienti da ogni angolo del mondo: Rosemary’s Baby è uno di quei pochi film che possono essere realmente definiti capostipite di un genere e, come tale, nel bene e nel male, è imperdibile. Al messaggio provocatorio, Polanski aggiunge tutta la sua vena sperimentale (negli anni si sono sprecati termini come onirico e surreale) fatta di inquadrature sghembe, macchina a mano e sovraimpressioni, senza perdere la sua magistrale abilità nel creare tensione. Merito anche delle sceneggiatura, dello stesso Polanski tratto dall’omonimo libro di Ira Levin, in cui ogni dettaglio crea una rete paranoica sempre più avvolta attorno a Rosemary, e a noi che guardiamo. In questo, per le sensazioni che sa trasmettere, Rosemary’s baby colpisce ancora a fondo. Sarà anche per i fatti che colpirono Polanski poco dopo il film: l’assassinio della moglie Sharon Tate da parte della setta di Charles Manson. Certo una casualità, ma Rosemary’s Baby spinge a questi collegamenti, e nel rivederlo oggi, il film ci colpisce ancora di più, per l’angoscia generata dalla sensazione che, da scherzo pesante, quest’opera sia in parte diventa triste, brutta, squallida realtà.

Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York [Rosemary’s Baby, USA 1968] REGIA Roman Polanski.
CAST Mia Farrow, John Cassavetes, Ruth Gordon, Sidney Blackmer, Ralph Bellamy.
SCENEGGIATURA Roman Polanski (tratta dall’omonimo romanzo di Ira Levin). FOTOGRAFIA William Fraker. MUSICHE Krzysztof Komeda.
Horror/Grottesco, durata 136 minuti.

Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York (1968)
4.5 4 90%

One Comment

  1. Pingback: Carnage Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly