adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

J. Edgar

lunedì 9 Gennaio, 2012 | di Andrea Moschioni Fioretti
J. Edgar
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il potere della menzogna
Un gioco in maschera, per far ricordare agli americani e al mondo la scontata ma sempre utile lezione che dal passato e dagli sbagli si deve continuamente imparare. Non una biografia di J.Edgar Hoover, ma una mitologia cinematografica il nuovo film di Clint Eastwood J.Edgar, che attraverso le parole del capo storico dell’FBI ci ripropone ancora una volta la sua personale rilettura della storia americana del ‘900.

A Eastwood poco importa di essere fedele allo Storia, ma allo stesso tempo non bara e non “trucca”, la sua è una specie di rielaborazione finalizzata solo al racconto del lavoratore e dell’uomo Hoover e di chi con lui ha contribuito a farlo celebrare come uno degli uomini più potenti e influenti d’America. In una cronaca  che ricorda per la struttura, che alterna il presente al passato, C’era una volta in America di Leone, scopriamo l’Hoover fragile e obbligato a fingere sulle sue imprese mai realizzate e a conquistare tutto con la forza, per non perdere la stima e il rispetto degli altri, ma soprattutto l’uomo privato che mentendo a se stesso ha agito sempre seguendo una visione di fedeltà alla Nazione. Eastwood realizza il suo film più riuscito degli ultimi anni, dopo Gran Torino, in cui, in qualche modo, c’è un sunto della sua parabola cinematografica sia dietro che davanti la macchina da presa, temi quali le sfide da vincere, la famiglia, la memoria storica e la vecchiaia, in un composto che rasenta l’imitazione non caricaturale ma di ideale verosimiglianza. L'”oscurità” e i fantasmi sono protagonisti, insieme ad una ricostruzione d’epoca che non sa di esclusivo valore simbolico ma è minuziosamente credibile, e un makeup che non è aiutato dalle finzioni della computer grafica ma, alla “vecchia maniera”, è solo trucco che gli attori indossano come maschera. Attraverso una regia pulita e essenziale Eastwood ci regala un racconto che attraversa le pagine più nere della storia americana del novecento senza patetismi o furbizie di sceneggiatura, non chiede di patteggiare con Hoover, anzi ci ricorda di come fosse un uomo gretto e bugiardo che nascondeva la sua omosessualità mentre denigrava e cercava di annientare chi avrebbe potuto superarlo in popolarità e fama. A dar corpo al fantasma di Hoover, Clint ha chiamato Leonardo Di Caprio, la sua maschera è quella più convincente insieme alla mamma Judi Dench, nella sua prova attoriale più matura e doverosamente da premiare; il corpo si scolla dall’attore per diventare quello di Hoover in ogni suo tic e forma, una prova che ricorda The Aviator ma che la supera per intensità e che nelle sequenze famigliari e private rasenta la perfezione in mimesi e bravura. Un film sull’America e i suoi fantasmi quindi J.Edgar, ma anche un film sull’amore che Hoover provava per la Nazione, la madre e il compagno di una vita Tolson, dove un semplice fazzoletto si fa allegoria di una passione struggente, un elemento suggestivo e un’emozione che solo il buon vecchio Clint avrebbe potuto regalarci. Pur non essendo il suo capolavoro J.Edgar rimarrà nelle menti come espressione filmica del pensiero eastwoodiano e delle ferite mai curate del popolo americano, non poco per una semplice biografia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly