adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Shame

lunedì 16 Gennaio, 2012 | di Nicole Braida
Shame
Speciale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Storia di un uomo schifoso
Shame, del regista Steve McQueen, è un film acclamato ma anche fischiato al buio delle sale.
Per la seconda volta troviamo Micheal Fassbender protagonista di un opera di McQueen, in Shame interpreta Brandon, un uomo di successo, incarnazione della perfezione estetica, ma afflitto da una seria dipendenza, quella del sesso.

La profonda vergogna per le sue perversioni è l’unico sentimento che Brandon riesce a provare. Non è capace infatti di legarsi a nessuno, nemmeno alla fragile sorella Sissy (interpretata da Carey Mulligan) che continua a chiedergli aiuto. Egli è un uomo profondamente solo. Incastonato perfettamente nella sua routine quotidiana lavorativa e in quella nascosta delle proprie maniacalità. La sua città, New York, potrebbe essere una qualunque metropoli. E lui in fondo è soltanto uno di noi, un individuo legato ad una qualche dipendenza. Le sue abitudini sono i suoi appigli, Brandon è consapevole di essere autosufficiente al contrario della giovane e sprovveduta Sissy, che sembra essergli però quasi complementare. È una donna fragile, che si lega facilmente e che veste vintage, quasi fosse davvero una persona d’altri tempi.
Brandon invece è il presente, uno spazio tempo che però non gli appartiene. Egli infatti è un alienato, che continua ad isolarsi da qualsiasi rapporto umano autentico. La società che lo attornia è schiava degli stessi schemi; come in Shortbus il sesso in ogni forma è la fuga dalla realtà, dall’incapacità di soffrire, di rischiare un legame, di scegliere la libertà. Il dolore fa paura forse più della stessa morte e Sissy ne è la prova: tenta spesso il suicidio. “Perché?”, le chiede il capo di Brandon, “ perché da piccola mi annoiavo molto” risponde.
Steve McQueen ci svela, come aveva fatto in Hunger, un altro scavo dell’animo umano, con la macchina da presa che segue da vicino il corpo scultoreo di Fassbender, avvolgendolo spesso nei controluce, nel buio da film noir di una New York asettica. Gli spazi da vuoti si colorano solo nelle lunghe scene di nudo, dove lo sguardo indugia sulla carne nuda e fremente. E ciò che vediamo è un uomo, un individuo, un essere umano, che non è capace di vivere nella realtà, ma la rifugge circondandosi da vergognose dipendenze.

Shame
VOTA IL FILM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly