adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Hugo Cabret

lunedì 30 gennaio, 2012 | di Alice Cucchetti
Hugo Cabret
Speciale
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

In Wonderland
Che con il dominio incontrastato degli effetti speciali, della computer graphic e del 3D, il cinema hollywoodiano stia tornando sulla strada delle origini, verso un “cinema della mostrazione” più che “della narrazione”, è una teoria che rimbalza da tempo.

Troppo spesso l’estetica si esaurisce nello stupore, confezionando film dove tutto è più grande, più imprevedibile, più spettacolare, chiedendo allo spettatore di ammirare incredulo ciò che vede, a scapito di tutto il resto (soggetto, sceneggiatura, personaggi). Poi arriva Scorsese e compie un piccolo grande miracolo, saldando esplicitamente il cerchio. Con un film, Hugo Cabret, sotto tanti punti di vista imperfetto, eppure hugo_cabret_3Dcosì denso, così appassionato da sotterrare senza troppe remore le perplessità. L’incipit di Hugo Cabret è quasi privo di dialoghi, nasce con un dolly impossibile nei cieli di Parigi, e disegna un piccolo universo brulicante di storie regalate agli occhi di Hugo, e di noialtri. Il piccolo Hugo è un orfano nella Parigi degli anni ‘30, vive dentro i muri di una gigantesca stazione, tra gli ingranaggi degli immensi orologi che si occupa di tenere sempre in ordine. Dall’altra parte del tempo, attraverso le enormi lancette che ticchettano, vede tutto. Un tutto che Scorsese mette in scena come fossero tante vedute da film dei Lumiere, o come le pantomime del primo cinematografo. Hugo osserva a bocca aperta, e noi con lui, incantati da un 3D che ha finalmente una ragion d’essere, concedendo a Scorsese movimenti di macchina imprevisti e inaspettate visioni. Come gli orologi che Hugo ripara, come l’automa che cerca disperatamente di aggiustare, il film di Martin Scorsese sembra un ingranaggio complesso di rimandi e citazioni, di piani che si incastrano, fino a quando il 3D cede il passo alla meraviglia. L’arrivo del treno alla stazione di La Ciotat: chi avrebbe mai detto che, a vederlo in tre dimensioni, ci saremmo emozionati ancora come quei primi fortunati spettatori del Boulevard du Capucines nel 1895? E che le fantasmagorie di Georges Méliès avrebbero saputo stordirci, di nuovo, che la magia ritrovasse nuova luce grazie alla rimessa in scena della sua creazione? Che avremmo potuto sentirci come Isabelle, la ragazza che legge tanti libri ma non è mai stata al cinema fino a che Hugo non la porta a vedere Safety Last! di Harold Lloyd, mentre tratteniamo il fiato guardando il protagonista appeso alle lancette del più grande orologio della stazione? Scorsese sa che il sense of wonder del cinema non scompare svelando il trucco, ma anzi trae forza dallo stupore di comprendere come sia possibile dare corpo e luce alla più sconfinata immaginazione. Scorsese sa che il più grande nemico del cinema è il tempo, che consuma la pellicola e digerisce la memoria, e per questo c’è un sottile filo di inquietudine nello svolgimento della storia di Hugo Cabret. Un’inquietudine necessaria per trovare il coraggio: di pretendere un cuore per l’omino di latta, di mettere in salvo la Storia (del Cinema) e la nostra sacrosanta e ineludibile esigenza quotidiana di meraviglia.

Hugo Cabret [Hugo, USA/Italia 2011] REGIA Martin Scorsese.
CAST Asa Butterfield, Chloë Grace Moretz, Ben Kingsley, Sacha Baron Cohen, Jude Law, Christopher Lee.
SCENEGGIATURA John Logan (dal romanzo La straordinaria invenzione di Hugo Cabret di Brian Selznick). FOTOGRAFIA Robert Richardson. MUSICHE Howard Shore.
Drammatico/Avventura, durata 145 minuti.

Hugo Cabret
4 2 80%

2 Comments

  1. Pingback: Top Ten 2012: le singole classifiche - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

  2. Pingback: Quei bravi ragazzi Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly