adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Hugo Cabret

lunedì 6 Febbraio, 2012 | di Margherita Merlo
Hugo Cabret
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il mondo attraverso un quadrante
Stupire, ecco il verbo più adatto per descrivere l’intento di Martin Scorsese nascosto in Hugo Cabret, personale omaggio alla settima arte travestito da racconto di formazione dickensiano, dove la tecnologia del 3D si fa raffinata e lo spettatore ne rimane ipnotizzato.

La brulicante stazione di Paris Montparnasse diventa l’ipotetico Paese di Oz, in cui Hugo è la piccola Dorothy e aiuta chiunque gli sta intorno, riparandolo come fa con le cose rotte: allo spaventapasseri (l’ispettore ferroviario) regala un cervello per farlo uscire dalla sua ristrettezza mentale; l’automa di latta chiede un cuore e riceve una vita propria; mentre al solitario leone (il burbero Méliès) regala il coraggio di aprirsi alla modernità e tornare a fare ciò che veramente lo rende felice. Il regista americano sembra non accontentarsi di un’unica storia da narrare, aggiungendo alla complessità scenica quella drammaturgica mescolando insieme due destini, quello di un bambino già grande e quello di un abile artista. Inevitabilmente le sorti di quest’ultimo vanno a monopolizzare l’attenzione dello spettatore, sia per la loro costruzione molto elaborata – preciso e dettagliato il flashback chiarificatore del passato del cineasta – sia per l’alone di mistero che si trascinano dietro, dando l’impressione di vedere un film diviso a metà, con un protagonista per ognuna delle due parti pronto a raccontarci la sua difficile realtà. Il surplus di narrazione urta contro le strette pareti del campo d’azione: se non si tratta della stazione con le sue mastodontiche locomotive e le onnipresenti nuvole di fumo, quasi fossimo all’interno di un dipinto di Monet (La Gare Saint-Lazare), è lo stretto appartamento nei quartieri alti di Parigi a racchiudere i personaggi, come il perimetro del quartiere dei Five Points in Gangs of New York, o quello figurato del mondo patinato e ossessivo di The Aviator. Ma i ragionamenti e le precisazioni non hanno modo di nascere durante lo svolgersi della proiezione e lo spettatore non ha altra possibilità se non restare incollato alla poltrona, appagato da un’immagine ricca, definita, a tratti vertiginosa che lo trascina in un vortice colorato che si avvita su se stesso, senza conoscere ostacoli nel suo moto continuo. Si ritorna dunque al punto di partenza, una citazione nella citazione: chi osserva è rapito dalle meraviglie del movimento, allo stesso modo di quei fortunati testimoni del primo cinema, realizzato tra effetti rudimentali e tanta fantasia da “illusionisti, belle sirene, viaggiatori, avventurieri e maghi”.

Hugo Cabret [Hugo, USA/Italia 2011] REGIA Martin Scorsese.
CAST Asa Butterfield, Chloë Grace Moretz, Ben Kingsley, Sacha Baron Cohen, Helen McCrory, Jude Law, Christopher Lee.
SCENEGGIATURA John Logan (dal romanzo La straordinaria invenzione di Hugo Cabret di Brian Selznick). FOTOGRAFIA Robert Richardson. MUSICHE Howard Shore.
Drammatico, durata 145 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly