adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Revenge – Season 1

giovedì 9 Febbraio, 2012 | di Alice Cucchetti
Revenge – Season 1
Serie TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

V per vendetta, G per guilty pleasure
“Questa non è una storia sul perdono” sussurra a mezza voce Emily Thorne, e in effetti la sua storia è piena di elementi imperdonabili. Talmente tanti e talmente lontani da ogni giustificazione da fare il giro e riscoprirsi imperdibili.

Partiamo dall’inizio. Cos’è Revenge? I responsabili del marketing, senza vergognarsi (e perché dovrebbero?) la definiscono una rilettura contemporanea di Il conte di Montecristo di Dumas. Sappiano o meno (i responsabili del marketing) che la serialità contemporanea e il romanzo d’appendice hanno più di una parentela. Quella che lega Revenge al Montecristo è apparentemente una vaga similitudine di trama: un gigantesco raggiro ai danni di un poveretto e successiva vendetta. Nello specifico, la Parigi post napoleonica è sostituita dagli Hamptons, luogo di villeggiatura dell’upper class newyorkese. Emily Thorne, una tizia sconosciuta ma bella, elegante, raffinata e disgustosamente ricca, vi affitta una casa a giugno, quando inizia la “stagione”, e inizia a frequentare l’alta società. Misteriosamente e contemporaneamente, tutti i riccastri che, anni addietro, avevano incastrato il buon David Clarke, accusandolo di un crimine orribile che non aveva commesso e mandandolo a morire in prigione, iniziano a cadere uno dopo l’altro come stolidi birilli. La verità – oltre che ovvia – è esplicitata fin dal pilot: Emily Thorne è Amanda Clarke, la figlia di David, e nella vita ha un solo scopo, vendicare il padre. No, sul serio: possiede addirittura un grande pennarello rosso con il quale tracciare una croce sulla foto dei propri nemici dopo averli sconfitti. Revenge è il piccolo caso seriale di quest’anno: inverosimile, recitato così così (malgrado la presenza, nel cast, di Madeleine Stowe), provvisto di tre location in croce e di incredibili green screen posticci, eppure dannatamente appassionante. Perché? Proprio perché Revenge non si pente del suo status di drammone a tinte forti e, sfrontatamente, non si fa mancare nulla. I personaggi strizzano molto forte gli occhi quando elucubrano machiavelliche ritorsioni o rimembrano il proprio losco passato. Offrono improbabili party di beneficenza ad ogni episodio e dietro le quinte si macchiano di torbidi crimini. Più di ogni altra cosa, nascondono (più o meno bene) sordidi segreti: amanti, ricatti, figli illegittimi, scambi di persona, tremende bugie. La peggiore di tutti è la protagonista Amanda/Emily, un automa senza sentimenti ridotto a mera (e gustosissima) funzione narrativa, cattiva, cattivissima, ma sempre scagionata dal fine che giustifica i mezzi, dall’occhio per occhio dente per dente. Forse c’entra anche il fatto che la serialità televisiva come la conosciamo oggi (forte, prolungata, potentemente orizzontale) nasce dall’ibridazione con la soap, a partire dalle fondamenta di Hill Street Blues – Giorno e Notte, passando per l’ineguagliata autorialità di Twin Peaks e pure per i giovincelli di Beverly Hills 90210. Si inizia così, seguendo le vicende personali (e, soprattutto, sentimentali) dei protagonisti, e si finisce per contagiare anche il più fiero dei procedurali (pensate a Dr. House, Bones o simili). Revenge lo sa, si appropria gioiosamente di tutto l’armamentario melodrammatico/soapoperistico e, invece di centellinarlo con parsimonia per centinaia di puntate, lo scaglia a mitraglietta contro lo spettatore. Egli non se lo aspetta e ne rimane incantato; e, una volta capito il gioco, si diverte come non mai e ne pretende ancora. Miracoli della serialità: al cinema sarebbe “solo” scult, in tv diventa pura dipendenza. Guilty pleasure, si diceva una volta: ma Revenge è così sfacciato ed eccessivo che, anche se colpevole, lo si perdona più che volentieri.

Revenge [id., USA 2011] IDEATORI Mike Kelley.
CAST Emily Van Camp, Gabriel Mann, Josh Bowman, Henry Czerny, Nick Wechsler, Madelein Stowe.
Soap Opera/Drammatico, durata 43 minuti (episodio), stagione 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly