adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Un couple parfait

giovedì 23 Febbraio, 2012 | di Margherita Merlo
Un couple parfait
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

MYmoviesLive

Una porta chiusa tra di noi
In un periodo in cui si è talmente assuefatti da un cinema costruito su infinite proposte di fascinazione per gli occhi, fortunatamente esistono ancora gli estimatori del semplice, capace di nascondere un messaggio talmente profondo che non richiede altro che essere narrato.

Questo sembra gridare Nobuhiro Suwa nei lunghi silenzi dei suoi film, negli spazi limitati dell’azione che costruisce, nella sua arte che tanto omaggia la Francia e il suo cinema, tanto da portarlo nel 2006 a realizzare un capitolo nel film corale Paris je t’aime dedicato al quartiere di Place des Victoires. Esattamente un anno prima, nel 2005 confeziona Un couple parfait, vincitore del Premio Speciale della Giuria al 58° Festival Internazionale del Film di Locarno: ancora una volta Parigi che fa da sfondo alla storia di una coppia all’apparenza felice, in realtà svuotata di qualsiasi complicità, muta e distante, irrimediabilmente sgretolata. Lo spettatore entra come un estraneo in medias res, ignaro dei fatti ma capace di avvertire la tensione tra loro che emerge spontanea nonostante una sceneggiatura ridotta all’osso e degli attori che deambulano, non facili da pedinare proprio perchè non sempre seguiti dalla macchina da presa. Quest’ultima preferisce rimanere statica, raccontando l’azione in una manciata di stacchi, lasciandole il tempo che le serve per svolgersi all’intero del quadro, paragonando la lentezza della messa in scena con il percorso complesso intrapreso dai protagonisti impegnati a capire chi sono e cosa desiderano veramente dal loro futuro. Man mano che la distanza si allarga, anche fisicamente i corpi scompaiono dalla scena, diventando fantasmi fatti di sole voci, frammentate, sconnesse, che tentano di raggiungersi anche attraverso porte chiuse. La macchina da presa testimonia da lontano, per poi inaspettatamente farsi curiosa incollandosi agli occhi chiari della protagonista, un primissimo piano che descrive ancora senza bisogno di parole la sua enorme tristezza nascosta all’interno di un silenzioso museo.
La separazione rimane tema costante nella poetica dell’autore: qui sviscerato, trova poi le sue declinazioni nel dolore per una perdita (l’episodio di Paris je t’aime), o nella divisione fisica di due piccole amiche, lontane geograficamente vicine nel cuore (Yuki&Nina, 2009). Si è parlato di omaggio al cinema francese, ma come non pensare durante tutto il corso dell’opera a Viaggio in Italia di Rossellini: ancora una coppia, ancora la crisi tra loro, il punto di vista dedicato alla donna, in questo caso una Ingrid Bergman desiderosa solo di ferire il marito lasciandolo sanguinare, per poi rendersi conto di quanto stia ferendo se stessa nel tentativo.
Per la conclusione, Suwa decide di avvalersi del fascino di una stazione ferroviaria, un tempo fuligginosa, qui minimalista e asettica, un ultima scena muta che sembra fare l’occhiolino al treno dei fratelli Lumiere. Ancora una volta la semplicità è di scena, talmente densa di significato da lasciare lo spettatore palpitante, sciogliendosi in un gesto naturale che dona al finale la coerenza della visione del cineasta, dimostrando ancora la sua eleganza nel lasciare in punta di piedi la vita delle persone, senza la morbosa pretesa di aggiustare fino in fondo le cose tra loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly