adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Take Me Home Tonight

lunedì 12 Marzo, 2012 | di Lapo Gresleri
Take Me Home Tonight
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

ANTEPRIMA

Gli ’80 dentro l’armadio
Che odore avrebbe un abito chiuso in un vecchio armadio per circa vent’anni, come ricordo di un tempo passato? Sicuramente saprebbe di stantio. Take Me Home Tonight è esattamente così.

Fine anni Ottanta. Matt è un giovane neo-laureato all’MIT. In attesa di capire cosa fare nella vita lavora in un videonoleggio, rivangando l’amore mai confessato per la bella e irraggiungibile compagna di classe Tori che, un giorno, entra in negozio. Per conquistare l’attenzione dell’amata, si spaccia per consulente finanziario, dandole poi appuntamento a una festa tra ex compagni di scuola. Qui una serie di banali imprevisti si susseguono fino al prevedibile finale.
Il quarto lungometraggio di Michael Dowse, noto per film “estremi” come Fubar e Fubar II (sorta di Beavis and Butt-head in live action), perde tutta la corrosiva negatività dei lavori precedenti.
Quest’ennesimo teen movie non fa che girare attorno a sé, ripresentando come nuove situazioni e soluzioni narrative usate più e più volte, in quella che a prima vista potrebbe risultare una pallida imitazione di “classici” della commedia sboccata giovanile (Porky’s Questi pazzi pazzi porcelloni o American Pie), ma ai quali in realtà neppure si avvicina, non avendo neanche un decimo della mordacità politically incorrect che era, volenti o nolenti, la carta vincente di quelle pellicole.
Nel film di Dowse non c’è niente di nuovo sul piano narrativo (tanti clichés quali l’amore perso poi ritrovato, eccessi giovanili “fumo-droga-sesso-tutto in una notte”, nerds vincenti, ecc.), né su quello del significato – non è chiaro tra l’altro quale sia il “messaggio” e il motivo dell’ambientazione negli anni Ottanta (fatta solo di qualche acconciatura e canzone) – né sul piano dei personaggi, tutti fortemente stereotipati e assolutamente privi di qualche spunto originale.
Unica eccezione è Barry, l’amico fraterno del protagonista che – cercando di scimmiottare pateticamente la comicità fisica dei personaggi solitamente interpretati da Jack Black – finisce con il strappare qualche sorriso in una gara di ballo dove la sua limitante goffaggine viene superata con un calcio nei genitali dell’avversario, o durante un rapporto sessuale con un’attempata signora dell’alta società, con tanto di marito guardone a fare il tifo. Ma è davvero poca cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly