adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

American Horror Story: Murder House – Season 1

giovedì 15 Marzo, 2012 | di Andrea Moschioni Fioretti
American Horror Story: Murder House – Season 1
Serie TV
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Casa dolce casa
Ormai è una realtà certa e dimostrata che negli Stati Uniti non si sperimenta più e da tempo non si sfornano più particolari opere cinematografiche. Il terreno fertile negli ultimi dieci anni è la serialità televisiva. In Italia, a parte qualche sporadica e felice eccezione alla Romanzo criminale, questo ancora purtroppo non avviene.

E così, dopo aver sdoganato sul piccolo schermo l’action, il dramma anche famigliare e il musical, negli ultimi anni le reti americane sono state invase da serie televisive a tematica horror e gotica. Ryan Murphy e Brad Falchuk, prolifici autori delle fortunate serie Glee e Nip/Tuck, con American Horror Story: Murder House hanno raggiunto, per adesso, vette horrorifiche che la tv ancora non aveva affrontato. Un filone che negli ultimi anni ha regalato True Blood e The Walking Dead, per citarne alcuni, ma che con American Horror Story: Murder House svincola definitivamente il genere per renderlo fruibile a tutti. La prima stagione, terminata anche in Italia a fine gennaio scorso, ha alternato buoni momenti di tensione e di sano spavento a momenti “di stanca” che hanno deviato la storia sul classico, ma comunque l’imprevedibilità della trama e la sua realizzazione rende il prodotto una rarità nel panorama televisivo. Il plot, semplice e sinceramente già sfruttato in parte dal cinema horror, racconta l’arrivo in una villa di Los Angeles, che nasconde molti misteri e coinquilini inaspettati, di una famiglia (padre, madre e ragazzina adolescente e per questo “disturbata”) che sfugge ad un passato da dimenticare. Il loro insediamento regalerà momenti particolarmente perturbanti e lacererà le fragili sicurezze del menage familiare. Per non rischiare di raccontare spoiler è opportuno fermarsi qui. La serie, fin dalla sigla iniziale, promette di raccontare un mondo malato e spaventoso, che si popola di personaggi fuori dall’ordinario e con inquietanti condotte. Ogni puntata inizia con un flashback legato alla villa e ai suoi precedenti inquilini. Gli episodi legati al passato tornano prepotentemente nel presente e sono importanti forme di raccordo per il susseguirsi degli eventi. American Horror Story mischia iconograficamente e stilisticamente alcuni degli elementi tipici del genere: la villa infestata, i personaggi freaks, il paranormale, spostandosi continuamente tra l’enigmaticità del sovrannaturale e la mostruosità della vita quotidiana. La serialità in American Horror Story: Murder House pecca, a volte, di discontinuità e di comicità involontaria, ma alcuni momenti sono ben congegnati e la trama volutamente ingarbugliata regala momenti di reale sorpresa. Il tutto è reso bene con effetti truculenti e horror, ma a volte c’è la sensazione che gli autori abbiano alzato il piede dall’acceleratore consapevoli sempre di essere in una serie televisiva. Un montaggio frenetico e a volte volutamente impreciso, supporta le performance degli attori, sulle quali chiaramente spicca quella di Jessica Lange, premiata con il Golden Globe; la sua è una vicina di casa che non si dimentica e regala all’attrice un ruolo gioiosamente sopra le righe. Un aspetto interessante è il gioco che la serie fa con la storia del cinema horror. Sono numerose le citazioni che spaziano da semplici inquadrature a rievocazioni vere e proprie di situazioni e scene entrate nell’immaginario collettivo, si richiamano Tarantino, Kubrick, De Palma, Polanski,  Romero e l’attore Sal Mineo. Allo spettatore più attento il compito di scovare questi omaggi. Dato che nel finale di stagione tutti i misteri vengono svelati e i protagonisti sconfiggono i propri “fantasmi”, c’è curiosità per la nuova stagione. Dalle notizie in rete e dalle parole degli autori sembrerebbe che la serie ripartirà da zero con nuovi personaggi. Vedremo se il gioco reggerà.

American Horror Story: Murder Hoouse [id. USA 2011-in corso] IDEATORI Ryan Murphy, Brad Falchuk.
CAST Jessica Lange, Dylan McDermott, Connie Britton, Taissa Farmiga, Evan Peters, Zachary Quinto, Alexandra Breckenridge, Frances Conroy, Denis O’Hare.
Thriller/Horror/Drammatico, durata 45 minuti (episodio), stagione 1.

American Horror Story: Murder House – Season 1
3.3 3 66.67%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly