adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Good Wife – Season 3

giovedì 15 marzo, 2012 | di Lisa Cecconi
The Good Wife – Season 3
Serie TV
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

The not-so-good wife
Sarà il look da nuovi propositi, sarà il sesso extra-coniugale, ma nelle premesse di questa terza stagione “la buona moglie” suona alquanto antifrastico.

Dopo due anni di stoica condotta e irreprensibile sopportazione Alicia Florrick (Julianna Margulies) ha deliziato i suoi fan con un’inedita verve da bad girl. Se all’inizio della stagione scorsa “Saint Alicia” si prodigava nel perdono del marito fedifrago e in un matrimonio da ricostruire, stavolta l’esordio la coglie in flagrante in un incontro bollente con Will (Josh Charles), ex compagno del college e socio alla pari dello studio legale Lockhart&Gardner. Ma in molti remano contro l’idillio e mentre Alicia dovrà fare i conti con l’imbattuto senso del dovere (di mamma, se non proprio di moglie), Will dovrà scegliere tra amore e carriera, oltre a respingere le pesanti accuse che gli piovono addosso dalla procura di Stato. La pluripremiata serie dei coniugi King torna dunque a riflettere sulle intricate liasons tra ruolo pubblico e vita privata, tra apparenza socialmente accettabile e trasgressione intimamente ammissibile con l’intelligenza che la rende da sempre uno dei migliori prodotti CBS. Perché, diciamolo, non tutti i fan possono permettersi di parlare di “stanchezza” se solo un episodio non è migliore del precedente, soprattutto alla terza stagione, soprattutto in un legal drama. Come nelle trascorse annate la storyline degli affetti non è che la punta di un solido iceberg, sedimentato su strati scabrosi di spregiudicata competizione. La (ri)ascesa politica di Peter Florrick (Chris Noth) e la gestione della sua campagna offrono uno spaccato di maneggi e compromessi persino più realistico del più recente cinema (v. Le idi di marzo, 2011), mentre l’arrivismo del suo entourage – come di quello che cresce in seno alla Lockhart&Gardner – lascia ben poco margine al romanticismo. Ne sa qualcosa la new entry Dana Lodge (Monica Raymund – Lie To Me), assistente della procura determinata a farsi strada a ogni costo, o i “doppi” antitetici di Alicia: Caitlin D’Arcy (Anna Camp – True Blood) e Celeste Serrano (Lisa Edelstein, la Cuddy di Dr. House). La prima, giovane rampolla con le spalle coperte, e la seconda, avvocato senza scrupoli di tempra virile, costringeranno la protagonista a prendere coscienza dei propri limiti, perché l’eccellenza della serie si fonda anche sulla profondità dei suoi personaggi. Irriducibili ad etichette di comodo e valorizzati da un cast giustamente incensato, si avvalgono del contributo di numerose guest stars, da F. Murray Abraham a Jason Biggs, da Michael J. Fox a Matthew Perry – quest’ultimo confermato in un recurring role. L’aderenza a problematiche di attualità è notoriamente l’altro punto di forza della serie e anche quest’anno non fa eccezione. L’opposizione tra ebrei e musulmani (3×01- A New Day), le implicazioni delle “armi intelligenti” in Afghanistan (3×09 – Whiskey Tango Foxtrot), la tortura e il terrorismo sono solo alcune delle questioni sollevate nei diversi episodi, affrontate in un’ottica mai retorica e sempre attenta a metterne in luce insospettabili sfumature. Lo statuto aleatorio della verità (3×12 – Alienation Of Affection), l’ambivalenza del progresso informatico (3×13 – Bitcoin For Dummies) e l’etica del rappresentabile (3×16 – After The Fall) si alternano al banco degli imputati portando a segno vittorie non sempre edificanti e sconfitte non per forza inique. Non ci resta che attendere con fiducia gli sviluppi della stagione in corso, nella speranza che anche la quarta – già confermata da CBS – faccia ben più del suo dovere. Alicia, di certo, ci proverà.

The Good Wife [id., USA 2009 – in corso] IDEATORI  Robert King, Michelle King.
CAST Julianna Margulies, Josh Charles, Chris North, Christine Baranski, Matt Czuchry, Archie Panjabi.
Legal Drama, durata 40-45 minuti (episodio), stagione 3.

The Good Wife – Season 3
4 1 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly