adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Lady

lunedì 26 Marzo, 2012 | di Matteo Quadrini
The Lady
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Agire senza pensare
Perché fare un film biografico? Non esiste un genere (se genere si può definire) più presuntuoso, audace e irrisolto di quello che produce biografie di persone e non di personaggi; ma il fatto che esista, che esiga contemporaneamente di dare o disfare un esempio umano è indice di quanto ricordare le vite degli altri sia la più naturale delle pratiche narrative non autobiografiche.

Biografare ha un numero indefinibile di implicazioni: è proporre un personaggio “positivo” o “negativo”, oppure non celebrare né criticare ma studiare le ambiguità di un tempo storico, di una responsabilità (organizzativa, di comando, sportiva, ecc.) attraverso persone/maschere ancora più ambigue e difficilmente riconducibili a posizioni manichee; biografare è persino una questione politica, che a filmarla sia un regista militante come Giuliano Montaldo, o un regista d’azione come John Woo o un anacoreta come Robert Bresson, questo perché biografare è comunque compiere una scelta e una selezione che agisce sull’attualità come reazione, come proposta storica, come modello di azione collettiva o, al contrario, come effetto deterrente.
E poi c’è la cinebiografia in senso più immediato, il mezzo che pretende di immortalare il tempo dinamico di una vita “storica” per non farla dimenticare, ma che a sua volta è altrettanto fragile come una pellicola che si degrada o come un file che può essere rimosso senza copie; il mezzo che pretende di sostituirsi al diario autobiografico o al saggio storico per diventare il resoconto più partecipativo e divulgativo di una vita storica, ma per farlo deve trasformare la persona in personaggio, il tempo vissuto in découpage, l’esistenza in un romanzo inevitabilmente omissorio che cerca di interpretarla. Ma il cinema non è l’unico ad essere imputato di una pratica tanto arbitraria e mostruosamente onnipotente quanto culturalmente radicata e sentita, semmai è corresponsabile di un’iniziativa che può condividere con Omero, Eschilo. Ed è la stessa iniziativa senza cui non si sarebbe prodotto Amleto
o The Lady, che complica la pratica biografica di un’altra variabile: fino a che punto un regista occidentale può filmare una personalità simbolica di una cultura tanto dissimile e non sovrapponibile alla sua? Considerare che questa personalità ha trascorso parte della vita in Inghilterra non risolve il quesito, anzi lo ingigantisce, soprattutto se il regista opta per un film sì fuori dal suo canone personale tradizionale ma comunque ragionato e stilizzato secondo linguaggi cinematografici distanti rispetto alla cultura di cui si occupa. A Luc Besson non interessa scrivere Il milione per cui alla scoperta di una geografia umana e politica complessa supplisce con una doppia esigenza: annullare i confini per rendere Aung San Suu Kyi un’allegoria della democrazia non violenta e gandhiana valida ovunque, l’esemplificazione di ciò dovrebbe essere il premio Nobel per la pace; creare due film paralleli, che si intersecano solo nelle poche scene in cui la dittatura militare birmana ha concesso al marito inglese di rivedere la moglie agli arresti domiciliari. Quindi un film sulla Birmania, il dramma politico, che sviluppa Aung San Suu Kyi nella storia nazionale, e un film di supporto, ambientato sostanzialmente a Oxford, il dramma famigliare della lontananza forzata, che restituisce centralità al marito (David Thewlis non recitava così da L’assedio di Bertolucci) e diventa un melò tanto individuale quanto sofferto sacrificio all’altare della Storia. Ed è proprio gestendo due film paralleli che Besson può insistere sul suo punto di forza e contemporaneamente sul suo punto debole: infatti, la doppia narrazione gli consente di lavorare sull’assenza grazie a virtuosismi sottili, come la funzione della musica classica (il concerto per pianoforte e orchestra n. 23 di Mozart) che diventa per ciascuno dei due protagonisti un dialogo della memoria o una connessione emotiva con il partener lontano, ma gli consente anche di ricondurre il film biografico in sottogeneri delineati e più occidentali, e quindi a preferire l’estetica del film d’azione, la dicotomia del film “bellico”/storico che riduce gli schieramenti secondo una relazione giusto/sbagliato, ma soprattutto la centralità del melò come proposta di unificazione biografica e transnazionale. Così facendo, però, occidentalizza ciò che preferisce ma deraglia nel pericolo del film biografico, ovvero la riduzione di una vita a simbolo: Aung San Suu Kyi diventa soltanto personaggio in funzione dello stato o della famiglia, icona di uno slogan pacifista e libertario. Resta scollato il suo essere donna, se non lo sensibilizza l’abilità di Michelle Yeoh nel sottolineare le reazioni più che le azioni del suo personaggio, e resta abbozzata la Birmania, tanto che brutalmente si potrebbe anche dire che per Besson la Birmania è soltanto uno sfondo per uno scenario dittatoriale, uno sfondo degno di pietas ma che poteva essere altrettanto intercambiabile con quello di paesi come la Cambogia, il Cile, l’Etiopia (come invece non dimentica Teza). Si potrà sempre giustificare e apprezzare Besson per l’operazione divulgativa, per un florido umanismo ritrovato e padroneggiato, ma ritrovato guardando una biografia e un paese soltanto con i propri occhi, con i propri limiti, unidirezionalmente, con le proprie estetiche preimpostate e non messe in discussione. Così facendo, così dirigendo, si crea solo cinema del promemoria, si creano personaggi e ci si lava dalle proprie responsabilità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly