adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Vita Nova e Spectres

giovedì 29 Marzo, 2012 | di Luca Giagnorio
Vita Nova e Spectres
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

filmforum, Udine-Gorizia 20-29 marzo 2012

I fantasmi del colonialismo
Anche il documentario approda al FilmForum di Gorizia, con i lavori di Vincent Meessen e Sven Augustinijnen, rispettivamente Vita Nova e Spectres. Meessen reinterpreta varie forme di produzione artistica manipolando i codici classici della rappresentazione per creare una forma ibrida, al confine tra documentario e arte concettuale, che lui stesso definisce “documents of experience”.

L’artista usa diversi media allo scopo di “portare alla luce le ombre della cultura contemporanea”. Nel suo lavoro Augustinijnen sviluppa una riflessione sulle modalità di ricostruzione degli eventi storici del passato e sull’eredità del colonialismo al giorno d’oggi.
Risulta interessante vedere proiettate consecutivamente due opere che, pur essendo entrambe incentrate sul passato coloniale in Africa di due nazioni europee (Francia e Belgio), hanno grandi differenze di stile e di approccio al soggetto. Vita Nova è un mediometraggio estremamente concettuale che parte dall’analisi di Roland Barthes in Mytholigies (1957) della famosa foto copertina di “Paris Match” raffigurante un bambino africano in uniforme francese immortalato nella plastica posa del saluto militare. Accompagnate dalle parole di Barthes lette da un uomo africano, ecco scorrere alternativamente immagini odierne di bambini del Burkina Faso e della Costa d’Avorio impegnati in esercitazioni militari e documenti di repertorio. Se nell’analisi di Barthes l’iconica immagine non ci dice nulla sul bambino fotografato, ma contiene invece un messaggio di devozione alla grande potenza occidentale colonizzatrice, la riflessione di Meessen riparte da quello stesso bambino, oggi estraneo rispetto al vecchio passato coloniale. Un passato che aleggia ancora come un fantasma e che tuttavia pare ormai dimenticato, come le parole della Marsigliese che un anziano africano, memoria storica degli anni precedenti all’indipendenza, tenta invano di ricordare. Spectres ripercorre invece le ferite ancora aperte del colonialismo belga in Congo. Augustinijnen segue il politologo e alto funzionario Jacques Brassinne de la Buissière, che ripercorre gli eventi che causarono e seguirono l’assassinio del Primo Ministro congolese Patrice Lumumba nel 1961. Attraverso gli incontri con storici e membri della corte in Belgio, con i discendenti di Lumumba in Congo, fino alla ricerca del luogo preciso dell’agguato nella boscaglia africana, Brassinne tenta di far luce su un evento doloroso del passato, sulle cui effettive responsabilità resistono coni d’ombra. La scelta di una regia trasparente che “lascia la parola” alle immagini e non interviene mai direttamente nella narrazione, coglie le sfumature di volti invecchiati dal tempo e ancora alla ricerca di una verità inequivocabile. E tuttavia ecco i giovani uomini africani osservare con curiosità la videocamera, piuttosto che l’anziano signore bianco interessato alle rovine di una casa dove fu tenuto prigioniero Lumumba e ai vecchi alberi dove avvenne l’esecuzione. Gli sguardi catturati da Augustinijnen sono interrogativi, quasi di sospetto: non viene compreso tanto interesse per un evento drammatico di cinquanta anni fa. E’ una storia per vecchi, in un paese dove si guarda alla sopravvivenza quotidiana e si spera in un futuro migliore. Gli spettri delle cruente ingiustizie passate rimangono solo per noi occidentali a nutrire il nostro tipico senso di colpa: quello postumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly