adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Vittime di guerra (1989)

giovedì 29 marzo, 2012 | di Massimo Padoin
Vittime di guerra (1989)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Vittime dello sguardo
Viene quasi naturale parlare di Vittime di guerra accostandolo a Redacted. Del resto ci troviamo di fronte a due pellicole accomunate non solo dallo stesso regista, Brian De Palma, ma anche dalla messa in scena dello stesso avvenimento, pur con evidenti differenze stilistiche e spazio-temporali (il primo è ambientato in Vietnam, il secondo durante l’attuale conflitto iracheno).

Entrambi i film raccontano della violenza messa in atto (lo stupro e l’omicidio) da un manipolo di soldati americani nei confronti della popolazione nativa. In tutti e due, ovviamente, è presente il personaggio che che ripudia l’azione dei propri commilitoni divenendo motore drammaturgico e portatore dell’etica anti-bellica. mediacritica_vittime_di_guerra_290Ma ciò che risalta maggiormente è la dialettica che nasce dai due film messi a confronto: lo sguardo dello stupro non appartiene a nessuno, come le immagini rubate dalla realtà delle molteplici fonti di ripresa mostrate in Redacted o come la ripresa ad altezza terrena di Vittime di guerra; come se la macchina da presa fosse stata abbandonata e per caso avesse ripreso l’orrore che si stava compiendo. Ma allo stesso tempo questo sguardo è quello dei protagonisti, loro malgrado spettatori di uno spettacolo al quale non vogliono partecipare (se le telecamere poste sui caschi dei marine divengono delle vere e proprie soggettive, la ripresa “distratta” di Vittime di guerra potrebbe anche esser ricollegabile al punto di vista del protagonista PFC Eriksson, nonostante non ci sia nessun raccordo a confermarlo). Uno sguardo mobile è ciò che viene usato per condannare non i singoli personaggi delle vicende ma per far provare l’orrore delle azioni mostrate al pubblico, costretto a divenire – volente o nolente – un voyeur. Ma se in Vittime di guerra ciò assume un aspetto compiacente (le lunghe soggettive sembrano avere più un gusto citazionistico che utile alla percezione spettatoriale) in Redacted questo piacere viene totalmente allontanato dalla frammentarietà dell’azione, data dal continuo passaggio di differenti supporti di registrazione, che lascia la mostruosità dell’atto totalmente nuda ai nostri occhi. Nonostante queste differenze, il finale delle due opere assume valenze simili: Redacted è una rappresentazione del web come memoria collettiva perpetua, perenne proprio come i ricordi che assalgono il soldato Eriksson – un efficace Michael J. Fox, a 4 anni di distanza dall’inaspettato successo di Ritorno al futuro (1985) – all’inizio di Vittime di guerra. In entrambi i film De Palma mostra la necessità di superare l’indifferenza nei confronti dei fatti raccontati da parte di chi ormai sembra esser assuefatto alla guerra totale, e allo stesso tempo intende dare “realisticamente” forma alla memoria di chi, quelle cose, le ha vissute per davvero.

Vittime di guerra [Casualties of War, USA 1989] REGIA Brian De Palma.
CAST Michael J. Fox, Sean Penn, John C. Reilly, John Leguizamo, Ving Rhames.
SCENEGGIATURA David Rabe. FOTOGRAFIA Stephen Burum. MUSICHE Ennio Morricone.
Drammatico/Guerra, durata 113 minuti.

Vittime di guerra (1989)
3 1 60%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly