adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il non-esserci del cinema

giovedì 5 Aprile, 2012 | di Roy Menarini
Il non-esserci del cinema
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Dopo aver riflettuto a lungo sull’editoriale di questa settimana, chi scrive si è imbattuto su www.freakout-online.com in una bella intervista a Enrico Ghezzi. E allora è parso giusto “cedere” lo spazio a tre domande e tre risposte sulle quali trovarsi magnificamente (e ossessivamente) d’accordo.

Che idea ha del trionfo di “The Artist” agli Oscar?
Sono abbastanza tipici e ripetuti i comportamenti dell’Academy, all’inizio segnala anche film molto sorprendenti e quest’anno non è un caso che abbia avuto delle nomitation in categorie importanti il film di Malick. Dopodiché, al momento della premiazione, scatta la logica più salvaguardante l’esistenza del cinema, per cui si va su film di presa più larga e immediata. Da notare che questo discorso vale anche su film di diversissimo peso commerciale, così come è accaduto tra The Hurt Locker di Kathryn Bigelow e Avatar di James Cameron : sembrerebbe che ad aver vinto sia il film più d’autore, mentre, a ben vedere, non lo era. Era molto più d’autore Avatar ed infatti, in questo senso, è stato punito e invece ha vinto la Bigelow, pur sempre brava a creare congegni piacevolissimi; sembra una logica opposta, invece è sempre la stessa. Per citare casi meno recenti, The Elephant Man di David Lynch raccolse otto nomination: non vinse nulla.enrico_ghezzi-ok
La distribuzione del cinema su Internet svela, ancora una volta, che la ritualità della sala è secondaria o comunque non fa parte dell’essenza del cinema?
Credo che il cinema non abbia essenza, è senza essenza … direi, proseguendo il gioco di parole, che l’essenza, l’essence (carburante in francese, n.d.r.), la benzina insomma gli è data proprio dal fatto di non essere. Più che la mancanza della sala, è molto più pericoloso per il cinema che si contrabbandino come film delle cose che sono dei cloni dickiani da fantascienza dei film. Faccio un esempio che è mal tollerato perché molti hanno amato questo film e sono sicuro che lo hanno amato perché è una storia appassionante: Shame di Steve McQueen. Così come il precedente dello stesso regista (Hunger, n.d.r.), si tratta di un tributo alla forza del cinema, usata per farne dei film; sono però un’installazione non reale, ma mentale … l’atteggiamento è lo stesso di una installazione, è rivolto a un concetto di spettacolo e di cinema, un falso concettuale. È questo il rischio maggiore del cinema di oggi: da una parte la museificazione che è sempre a-artistica, cioè considerarla un’arte è museificarla, dall’altra è considerarlo un’arte e de-artisticizzarla per farne un sorta di super-manufatto. Trovo più a macchina, più pericolosamente fabbricato un film come Shame che non un film come Trasformers o un blockbuster medio.
È vero che le sceneggiature non ti piacciono?
No. Anche se quelle di Tarantino, grandissimo scrittore di sceneggiature, le leggo e le amo. Devo dire che una sceneggiatura deve essere straordinariamente bella per essere letta, altrimenti è una specie di lettera morta, un osso di seppia, è come vedere già lo scheletro del film che non c’è ancora. Uno dei motivi per cui adoro l’ultimo lavoro di Malick è che è l’unico grande regista di ampiezza hollywoodiana che va sempre più contro l’idea stessa di sceneggiatura e lui è uno script doctor quindi conosce l’importanza della sceneggiatura. Per Tree Of Life ha presentato due pagine, e d’accordo che lo ha ottenuto perché è lui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly