adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Kobe Doin’ Work

martedì 10 Aprile, 2012 | di Lapo Gresleri
Kobe Doin’ Work
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Kobe got game
È noto l’interesse di Spike Lee per il mezzo televisivo, luogo per lui di esperimenti e ricerche che fondino la narrazione cinematografica con gli stilemi della televisione (4 Little Girls, When the Leeves Broke: A Requiem in Four Acts).

Risaputa è anche la sua passione per il basket. Tifoso dei Knicks e autore di un libro sull’argomento (Best Seat in the House – A Basketball Memoir), il cineasta ne ha sottolineato il lato estetico-visivo negli spot Nike degli anni Ottanta con Michael Jordan, ma anche la concezione di tale sport come metafora di vita, fatto di scelte necessarie, rapide e a volte dolorose, che possono condizionare il risultato finale (He Got Game). Con Kobe Doin’ Work, realizzato per la ESPN, Lee gioca in casa. Seguendo la scia di Zidane – Un ritratto del 21° secolo, il regista sposta l’obiettivo dal campo madrileno al parquet di Los Angeles, scegliendo di “marcare” Kobe Bryant, il miglior giocatore NBA degli ultimi anni, in una delle partite più importanti della sua carriera: quella contro i Spurs per la finale del torneo della Western Conference e per il titolo Most Versatile Player 2007/2008. Il film segue l’atleta prima, durante e dopo la partita che, ripresa da trenta videocamere e accompagnata da un commento a posteriori del giocatore, non resta un semplice documentario sportivo, ma diventa una sorta di lezione di pallacanestro. Bryant è infatti precisissimo nello spiegare le tecniche e le azioni che prendono piede sullo schermo, senza escludere – con eccessivi tecnicismi – lo spettatore meno avvezzo, guidandolo anzi passo passo con l’evolversi del match. La regia e il montaggio (affidato all’inseparabile Barry Alexander Brown) fanno il resto. Al ritmo forsennato della partita, le inquadrature si susseguono senza mai perdere di vista il soggetto principale, registrando ogni suo minimo gesto in campo, dagli sfottò alle espressioni di esultanza, dai tatticismi suggeriti ai compagni alle rapide acrobazie di gioco. Lee evita la retorica e il sentimentalismo, offrendo un ritratto asciutto e distaccato di Bryant, legato a quel modello di blackness di cui il regista si è fatto da sempre portatore: un nero consapevole del proprio passato, ma anche del suo ruolo nella società contemporanea, capace, attraverso il suo impegno e professionalità, di superarne i limiti sociali e culturali nel rispetto della propria e altrui diversità. Forse una strizzata d’occhio al “modello Obama”? Spike did the right thing.

Kobe Doin’ Work [id., USA 2009] REGIA Spike Lee.
SOGGETTO Spike Lee. FOTOGRAFIA Matthew Libatique. MUSICHE Marvin R. Morris.
Documentario, durata 83 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly