adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il castello nel cielo

lunedì 23 Aprile, 2012 | di Maria Cristina Andrian
Il castello nel cielo
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

Una rara poesia
C’è solo una persona che può prendere una bambina caduta dal cielo, pirati dell’aria che le danno la caccia, un ragazzo minatore dal cuore d’oro, un cattivo che vuole la misteriosa gemma custodita dalla fanciulla, un’isola leggendaria fluttuante nel cielo, unirli ed ottenere un film che ha molto da insegnare a chi lo guarda.

Naturalmente si sta parlando di Hayao Miyazaki, regista, sceneggiatore e co-fondatore dello Studio Ghibli, punta di diamante nella produzione di film d’animazione nel Sol Levante ed ormai apprezzato anche qui in Occidente.
Ne Il castello nel cielo, conosciuto anche come Laputa, uscito nelle sale giapponesi nel 1986, il regista premio Oscar per La città incantata costruisce una storia che abbraccia tutti i temi cardine della sua produzione: l’amicizia, il sacrificio, il viaggio come occasione di maturazione, la scelta fra giusto e sbagliato e soprattutto la coesistenza, a volte problematica, fra uomo e Natura. Miyazaki, se da un lato ci mostra con severità a quale sorte va incontro chi non rispetta la propria terra o gli altri, dall’altro indica come la speranza e i buoni sentimenti (non i sentimentalismi!) possano nascondersi ovunque. Le due ore di film non si fanno sentire, grazie al ritmo veloce, mai nevrotico, in cui si susseguono buffi ed impacciati pirati dell’aria, segreti svelati, un cattivo non in grado di capire che è la sete di potere a comandarlo, il tutto disegnato con il tratto semplice e pulito del regista, che anche in questo caso abbonda con i colori.
La storia di Sheeta, custode di una pietra che potrebbe collegarla alla misteriosa città di Laputa, si unisce a quella di Pazu nel momento in cui lui accetta di aiutarla a scoprire il mistero delle origini della sua famiglia. Come tutti gli eroi del regista, Pazu non è un super ragazzo, e le sue uniche risorse sono la lealtà, il coraggio e un po’ di furbizia. È forse questo che rende così speciale il film, anche più di vent’anni dopo la sua uscita. Si racconta di persone in cui troviamo pregi e difetti che conosciamo, situazioni in cui possiamo identificarci, perché a chi di noi non si è mai posta la fatidica scelta fra ciò che si vorrebbe e ciò che è giusto?
Il mondo fantastico di Laputa è straordinariamente reale, perché Miyazaki racconta l’animo umano.

One Comment

  1. Pingback: Top Ten 2012: le singole classifiche - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly