adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il mago di Oz (1939)

giovedì 3 Maggio, 2012 | di Daniel Paone
Il mago di Oz (1939)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Giovedi 3 maggio 2012, Raimovie, ore 12.00

Le strade dorate di Hollywood
Era il 1939 negli Stati Uniti. Nello stesso anno di Via col vento, Victor Fleming firmava la regia della più celebre trasposizione cinematografica de Il meraviglioso mago di Oz, primo dei 14 libri di Oz scritti a partire dal 1900 da L. Frank Baum e illustrati da W.W. Denslow e John R. Neill.

Una grande produzione hollywoodiana allestita dalla Metro Goldwyn Mayer che, nei centotrentasei giorni di travagliate riprese, ingaggiò un numero straordinario di scenografi, costumisti, attori e comparse. Si avvicendarono undici sceneggiatori e quattro registi: MCDWIOF EC004André de Toth e George Cukor lavorarono pochi giorni, Fleming quattro mesi, King Vidor girò le scene in Kansas. Oggi, l’avventura di Dorothy è conosciuta in tutto il mondo. Come Mary Poppins, Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato e altri classici per famiglie che hanno interpretato al meglio il musical e il fantasy, è un film entrato a far parte dell’immaginario collettivo. Restano nella memoria di più generazioni le note di Over the Rainbow cantata da Judy Garland, gli effetti speciali di A. Arnold Gillespie, i paesaggi, la musica e i costumi della terra di Oz, che uno sfavillante Technicolor contribuì a rendere ancora più magica. Tra le varie interpretazione della fiaba di Baum, c’è una suggestiva teoria dell’educatore e storico americano Henry Littlefield (1933-2000), il quale ipotizzò che il libro fosse in realtà un’allegoria della situazione politica in America alla fine del 1800, periodo in cui, per affrontare una grave crisi economica, si pensò di affiancare la coniazione dell’argento all’allora valuta corrente (il Golden Standard). Da qui la Yellow Brick Road (strada di mattoni gialli) e le silver slippers (pantofole d’argento) di Dorothy, trasformate in scarpette rosse solo nella versione di Fleming. Di sicuro questi riferimenti non si trovano nel film del ‘39 dove la morale hollywoodiana punta da un lato a contrapporre la determinazione dei bambini all’inadeguatezza degli adulti, dall’altro alla scoperta da parte della piccola protagonista che, anche se la vita quotidiana nel “grigio” Kansas le appare ostile, in fondo “nessun posto è bello come casa”. Nel 2013 vedremo quale sarà la rilettura della storia secondo Sam Raimi che si appresta a lanciare un prequel (Il grande e potente Oz) con James Franco nei panni del famoso mago. Non è il primo omaggio a Il mago di Oz. Il film ha avuto un seguito realizzato dalla Filmation nel 1974 (Ritorno a Oz) e uno, non ufficiale, della Disney nel 1985 (Nel fantastico mondo di Oz). La fiaba è diventata un incubo nel regno di Zardoz (John Boorman, 1974), è stata ripresa da Scorsese e Lynch in Alice non abita più qui  (1974) e Cuore Selvaggio (1990), ha ispirato tante rivisitazioni televisive, teatrali e musicali. Due Oscar, nel 1940, per la Miglior Canzone e per la Miglior Colonna Sonora. L’UNESCO lo conserva negli archivi del Memory of the World Programme.

Il mago di Oz [The Wizard of Oz, USA 1939] REGIA Victor Fleming.
CAST Judy Garland, Frank Morgan, Ray Bolger, Jack Haley, Bert Lahr.
SCENEGGIATURA Noel Langley, Florence Ryerson, Edgar Allan Woolf (tratta dal romanzo Il meraviglioso mago di Oz di L. Frank Baum) FOTOGRAFIA Harold Rosson. MUSICHE Harold Arlen, Herbert Stothart.
Musicale/Avventura/Fantastico, durata 101 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly