adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Dark Shadows

lunedì 14 Maggio, 2012 | di Lucia Occhipinti
Dark Shadows
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Vampiri senza ardori
Il rischio è quello di ripetersi. Ed è un rischio che Tim Burton sfrontatamente accetta, ripresentando un cast già ampiamente collaudato in un tema più e più volte affrontato nei suoi precedenti lavori. Se la massima in questione è “squadra che vince non si cambia”, si potrebbe dire che con Dark Shadows il regista evita il collasso ed ottiene un buon pareggio, o forse una vittoria di misura, lasciando lo spettatore soddisfatto ma senza tuttavia ammaliarlo con uno dei tanti colpi di genio a cui ci aveva abituato.

I temi sono, in fondo, quelli cari al regista. La vendetta, meno efferata e truculenta di quella di Sweeney Todd e addolcita, invece, da uno humour che riesce a divertire – specie nella prima parte del film – grazie al senso di straniamento del vampiro Johnny Depp, ripiombato nel XX secolo per saldare i conti con un’antica maledizione che affligge i suoi discendenti. E se le battute non mancano e sono efficaci (“invecchio, divento bella la metà e sbronza il doppio” recita Helena Bonham Carter alla ricerca dell’elisir di lunga vita) manca quel quid in più, quella poesia che in La sposa cadavere divertiva, commuovendo. In Dark Shadows manca, appunto, l’emozione, la capacità lasciare un segno e di abbandonarsi del tutto alla magia della favola gotica. O meglio, Tim Burton il segno lo lascia, ma stavolta è un segno prettamente visivo, che prevale a discapito della psicologia dei personaggi, risolvendosi – nella seconda parte del film – in uno scontro tra titani degno di tenere testa al 3d, pur facendo a meno di qualunque effetto in computer grafica. Ed è proprio quest’equilibrio formale che frena il pastiche tra romanzo gotico e rock postmoderno: abusato, senz’altro, ma che funziona e diverte lo stesso. Diremmo quasi che Barnabas Collins è la metafora stessa del film: abbottonato e ingessato nella sua formale eleganza, che strizza l’occhio alle note del camp e del rock, senza però lasciarsi andare del tutto. E tuttavia va comunque detto: la trama è ben scritta, il montaggio ben diretto e una sontuosità di costumi, ambienti e dettagli troneggia sul resto. E se, alla resa dei conti, Dark Shadows non convince del tutto, resta il dato di fatto che – pur senza l’ardore di un tempo – il marchio Tim Burton vince lo stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly