adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Quello che (non) ho

lunedì 21 Maggio, 2012 | di Paola Gianderico
Quello che (non) ho
TV
0
Facebooktwittermail

Dal Vangelo secondo Fazio e Saviano
Quello che ho è un programma che sperimenta e si sforza, con coraggio, di uscire dal p(i)attume televisivo, proponendosi come neo rappresentante della compianta tv intelligente.

Quello che non ho (più) è il regime di terrore sotto cui era nato, che tentava di sopprimere qualunque voce fuori dal coro con editti bulgari e minacce telefoniche ai direttori di rete, facendo di conseguenza risultare più valorosa l’impresa degli impavidi che trasgredivano.
Quello che vorrei è che questo paese si divincolasse dal manicheismo intellettuale che lo attanaglia, ritrovando il gusto per le mezze misure che intercorrono tra un entertainment decerebrato ed un intrattenimento che, per mostrarsi impegnato, elimina ogni patina di leggerezza. Toni plumbei e solennità liturgiche hanno dominato due delle tre serate ospitate da la7, andate in onda dalle Officine Grandi Riparazioni di Torino. La coppia paladina delle questioni morali, accompagnata dall’angelo custode De André e dagli amici di sempre del milieu culturale di sinistra, ha utilizzato a questo giro la forma teatrale del reading per invitare a riflettere sul valore delle parole, portando all’attenzione in un susseguirsi di interventi l’intera serie di piaghe che affliggono l’umanità.
Le lezioni di educazione civica di Saviano sicuramente servono. Servivano ai dieci milioni di telespettatori di Vieni via con me, che per la prima volta nella storia, per quattro lunedì di seguito, sconfiggevano all’auditel il Grande fratello, invocando di conseguenza la fine di una politica condotta a mo’ di reality show; e servono ancora oggi, per non dimenticare. Così come non bisogna mai dimenticare chi è Roberto Saviano, un ragazzo che a 27 anni decide con un libro di denunciare la camorra (fino a quel momento argomento tabù), firmando la propria condanna a morte. Ma sarà ancora consentito, si spera, sollevare perplessità sull’utilità sociale di un discorso fondato su interpretazioni personali (la lettera inviata in carcere a Michele Zagaria), interrogarsi sulle sue doti di scrittore, nonché di monologhista, che nel contesto televisivo non sempre reggono la scena e a tratti annoiano. L’arte oratoria inoltre, va esercitata sulle folle da un guru spirituale alla volta. Non serve affiancarsi ad altri prosatori, altrettanto antitelevisivi, chiamati a dare l’estrema unzione ad un popolo che per troppo tempo si è pianto addosso. L’attuale congiuntura storica necessita anche di speranza. Come ha scritto Beppe Severgnini, “Non si può abbattere una Nazione già abbattuta”, perché adesso che abbiamo voltato pagina bisogna rialzarsi e compiere un’opera di ricostruzione pari a quella del dopoguerra.
Lo share ha premiato l’iniziativa, ma le polemiche devono essere giunte a destinazione se nella serata conclusiva si è deciso di raddrizzare il tiro dando notevole spazio alla musica e alla verve comica. Personalmente ricordo poco degli interventi inghiottiti dal clima funereo, mentre ricordo benissimo il discorso di Ermanno Olmi sul tempo tiranno e cos’è un Laogai. Questo perché con una scansione ritmica adeguata i messaggi penetrano molto più efficacemente, sorretti da un intervallo che ne veicola l’assimilazione. E “Wonderful world” eseguito da Elisa, è stato un traino perfetto per spingerci a guardare avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly