adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Attack the Block

lunedì 4 Giugno, 2012 | di Alice Cucchetti
Attack the Block
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

God save the Queen
“Dio salvi la Regina”. Nel senso dell’intero popolo britannico, naturalmente. E anche nel senso dell’album dei Sex Pistols. Sarà il clima nebbioso, oppure le nuvole veloci, o le ciminiere fumanti di periferia: quel che gli americani lisciano, imbellettano e tirano a lucido, gli inglesi rimasticano e sputano, sporco di fuliggine, senza remore o timori.

Attack the Block sarebbe un film della Amblin, se solo fosse stato prodotto negli anni ’80: un film della Amblin con le parolacce, la scorrettezza, e un sottofondo pulsante di electrohouse. Se fosse stato prodotto negli anni ’80, oggi sarebbe sicuramente un cult. Beh, diamogli tempo. Attack the Block ha la stessa sfrontatezza di Misfits, serie tv british con cui condivide lo stravolgimento dei clichè del genere sci fi in favore del divertimento più sfrenato e genuino. Con buona pace delle sceneggiature precotte, del merchandising e anche del 3D. Un’epopea “teppisti contro alieni” dall’esito tutt’altro che scontato, dove gli extraterrestri (per la prima volta da chissà quanto tempo) vestono una forma inedita e davvero spaventosa senza bisogno di scaglie e viscidume; e dove i ragazzini non sono edulcorati modelli di virtù, ma teppa come tanti, strafottenti, irredimibili, dannatamente spassosi e sconsideratamente entusiasti. L’immaginario è sì anni ’80 (fin dall’estetica dei titoli di testa) ma il paesaggio urbano fuori da ogni luogo e da ogni tempo appartiene lividamente al nostro futuribile presente. Il film d’esordio di Joe Cornish (sodale dell’Edgar Wright di L’alba dei morti dementi e Scott Pilgrim Vs The World) rotola via con travolgente furia punk, imbastita in un montaggio adrenalinico e incalzante, proprio come la colonna sonora dei Basement Jaxx. Un concentrato di divertimento autentico, un’avventura spettacolare, ed eccessiva, e sfrontata, qualcosa come I Goonies, solo più ruvida e graffiante. E sì, è solo un film per ragazzi (per tutti i ragazzi, anche quelli grandi), solo l’ennesima pellicola con i bambini e gli alieni, l’altra faccia, sfregiata e sporca, del Super 8 di Abrams e Spielberg. Ma riempie lo schermo di azione e umorismo e per quasi due ore si ripete la magia: ci credi davvero. E Dio salvi la Regina, e gli inglesi, tutti quanti, e il punk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly