adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Marilyn

lunedì 4 Giugno, 2012 | di Roberta Spadaro
Marilyn
Speciale
0
Facebooktwittermail

La gente non vede altro che Marilyn Monroe
Presentato lo scorso ottobre al Festival Internazionale del film di Roma, Marilyn, il cui titolo originale è My week with Marilyn, firmato Simon Curtis, arriva finalmente nelle sale cinematografiche mostrando un lato inesplorato di una delle più grandi attrici dello scorso secolo, la donna più amata e desiderata di sempre, la sola e unica Marilyn Monroe.

Londra, estate 1956. Marilyn Monroe, interpretata da una magnifica Michelle Williams, si trova sul set di Il principe e la ballerina con Sir Laurence Olivier, incarnato da Kenneth Branagh. Qui conosce il giovane ventitreenne Colin Clark (Eddie Redmayne) con il quale instaura un rapporto di fiducia e di affiatamento fuggevole che si affievolisce con la conclusione delle riprese.
Grazie ai diari che Clark teneva, emerge una Marilyn diversa da quella che comunemente conosciamo: un’attrice molto lontana dallo charme e dalla lucentezza con cui solitamente la si descrive. È una donna debole, estremamente instabile e isolata ma alla costante ricerca di amici: ed è proprio Colin Clark che l’aiuta a combattere la propria fragilità emotiva data dalle insicurezze sulle sue reali doti di attrice.
Non vediamo la Marilyn sicura di sé della celebre canzone Happy Birthday, Mr.President ma piuttosto un personaggio smarrito e incerto che mendica perdutamente amore negli uomini passando da un matrimonio fallito ad un altro, alla ricerca di un’impossibile felicità.
Questa continua ricerca di affetto è probabilmente dovuta a una carenza incolmabile che Marilyn trascina da quando era bambina, cresciuta in diverse case famiglia, abbandonata dalla madre e senza sapere chi fosse realmente suo padre, tanto che l’incubo dell’abbandono diventa una vera e propria ossessione.
La bellezza del primo lungometraggio di Curtis sta proprio nell’aver riportato la vera storia di Marilyn equilibrando perfettamente i momenti delicati a quelli commoventi grazie anche alla performance della Williams, candidata a due premi Oscar.
Il film è quindi un confronto tra il “personaggo”, che noi tutti conosciamo e la “persona”, abbattuta e infelice. Purtroppo per Marilyn il lieto fine non c’è; rimarrà per sempre intrappolata nel personaggio che lei stessa ha creato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly