adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La Cenerentola

giovedì 7 Giugno, 2012 | di Martina Farci
La Cenerentola
TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Dall’opera al cinema
Ormai anche l’opera lirica si è arresa alla tecnologia che avanza, e in certe occasioni ha già abbandonato l’amato teatro. Pochi mesi fa al cinema si è tenuta la proiezione di Madama Butterfly, l’opera di Giacomo Puccini, impreziosita dal 3D. Ora è stata la volta della televisione.

Domenica e lunedì 3 e 4 giugno, infatti, su Rai 1, è andata in onda La Cenerentola di Gioacchino Rossini, divisa in tre atti. Non essendo a teatro, l’intervallo è stato sostituito con l’inserimento di un film fra il primo e il secondo atto, e l’atteso finale è andato in onda a distanza di ventiquattro ore. Ma, trattandosi di un evento in diretta, e per di più in mondovisione, era richiesto un grande sforzo tecnico e un’imponente scenografia.
L’opera di Rossini, su libretto di Jacopo Ferretti, è tratta naturalmente dalla celebre fiaba di Charles Perrault. E chi non conosce la bella favola di Cenerentola?.
In questo caso non si è assistito semplicemente alla diretta de La Cenerentola da un qualsiasi teatro lirico, ma si è trattato di un progetto nuovo e ambizioso. Direttamente dal Palazzo Reale di Torino, per la regia di Carlo Verdone. Una scenografia imperiale, dorata, spettacolare, alternata ad animazioni incantevoli hanno dato vita ad un’opera che non capita di vedere tutti i giorni. Perché la forza, oltre alla scenografia e ai costumi, stava proprio nel giocare con inquadrature diverse. Verdone ha alternato primi piani a campi totali, feste e balli a dichiarazioni d’amore e passeggiate nel parco. Il cinema ha messo a disposizione dell’opera lirica tutte le sue caratteristiche principali. Cosa che non avviene stando seduti su una poltrona nella platea di un teatro. Al contrario, però, forse si è perso quello che rende più grande e sublime un’opera: la musica e la voce dei cantanti. Certo, l’Orchestra Nazionale della Rai diretta da Gianluigi Gelmetti all’interno dell’Auditorium e i cantanti, su tutti con la loro interpretazione sia scenica che musicale il soprano Lena Belkina e il tenore Edgardo Rocha, hanno realizzato un’ottima performance, tecnicamente ineccepibile, ma ascoltare tutto attraverso una televisione non rende giustizia alla bellezza e alla potenza di musica e voci.
Questi ovviamente sono i limiti se si vuole far uscire un’opera lirica dal suo contesto naturale, ma dietro c’è l’intenzione di far scoprire un mondo di capolavori a più persone possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly