adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Spettatori? Pigrissimi

giovedì 7 Giugno, 2012 | di Roy Menarini
Spettatori? Pigrissimi
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Dopo aver analizzato in lungo e in largo le cause della crisi cinematografica (crisi economica sovrastante, cattiva programmazione, calendario distributivo demenziale, problemi urbanistici, ottusa legislazione sui multiplex, concorrenza delle altre modalità di fruizione, etc.), vale la pena occuparsi un po’ degli spettatori.

È giusto, come fanno molti colleghi accademici, studiarne i processi di consumo e ricezione senza paraocchi né ideologie. Ed è giusto non ricadere nelle tradizionali lamentazioni sul gusto del pubblico, specie quando premia le commedie italiane contemporanee o i cinepanettoni, perché in un libero mercato ognuno è libero di scegliere ciò che vuole.

homer

Detto questo, però, anche lo spettatore può essere criticato, e in questa fase ci sentiamo di farlo a ragion veduta. Se i primi mesi del 2012 hanno fatto segnare un pesante segno negativo, parzialmente mitigato dalle presenze di aprile, non può essere ascritto al solo fatto che il prodotto non attrae. Noi critici – per una volta la categoria ha un senso – abbiamo segnalato in queste settimane una serie di titoli che, pur non epocali, sembrano aver alzato l’asticella della qualità. Ci si lamenta sempre che il pubblico ha solo i multiplex e non più il film “medio” (lo abbiamo scritto poche settimane fa) e poi, quando finalmente il cinema di superficie torna a farsi interessante, viene ignorato. Per dire: non ci sono ragioni concrete per il tiepido risultato di Chronicle, che in America ha funzionato benissimo grazie alla rilettura point-of-view di adolescenti con superpoteri; di Attack the Block, ovunque considerato una boccata di aria fresca nel panorama della fantascienza a basso costo; di Quella casa nel bosco, uno degli horror più innovativi del momento e altro successo a stelle e strisce; di Cosmopolis, che sembra essere caduto nella terra di nessuno, snobbato dal grande pubblico e dai fan di Pattinson ma persino da molto pubblico d’essai e vicino a Cronenberg. Non parliamo poi del cinema d’essai, penalizzato dalle scarse copie a disposizione, che pure lasciano attoniti per come vengono ridicolizzati film straordinari come La guerra è dichiarata e passati sotto silenzio titoli come Sister o Tutti i nostri desideri, ampiamente sopra la media come qualità, e sotto la media come presenze. Lo stesso strombazzatissimo Marilyn, pur non eccelso, è finito nel tritacarne.
Si dirà: è il web, bellezza. E invece no, perché tutto fa credere – dati alla mano – che questi film siano anche poco scaricati e tutto sommato presi scarsamente in considerazione pure dagli spettatori più disinvolti dell’online. Non è questa la ragione. Il sommovimento di immaginario è molto più profondo. E preoccupante. Lo spettatore cinematografico sembra quello televisivo, che gira col telecomando tra sei-sette canali e poi dice: “Non c’è niente da vedere”, rifiutandosi categoricamente di dare un’occhiata agli altri canali del digitale terrestre, ai film inediti dei canali Rai digitali, alle anteprime di Cielo, agli approfondimenti e documentari di Raistoria, ai podcast sul web, agli archivi televisivi online, etc.
Bisogna essere onesti. La pigrizia esiste, ed è una delle concause della crisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly