adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il trono di spade – Season 2

lunedì 11 Giugno, 2012 | di Daniel Paone
Il trono di spade – Season 2
Serie TV
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Il tiepido inverno di Westeros
Gli ideatori della serie, David Benioff e D. B. Weiss, non potevano deludere le aspettative dei tantissimi appassionati conquistati in tutto il mondo. Da una parte i sempre più numerosi lettori dei libri di Martin, da convincere con una trasposizione fedele di A Clash of Kings, dall’altra i telespettatori, orfani del Primo Cavaliere del re e in attesa di scoprire se l’arrivo dei draghi avrebbe finalmente infiammato la guerra per il Trono di Spade.

A distanza di un anno ritorna, quasi in contemporanea con gli USA, la serie-tv più entusiasmante del 2011. Il lavoro fatto dall’HBO si conferma di qualità. La stagione, nel suo insieme, riesce a essere avvincente grazie a un cast e un impianto scenico allestito ancora una volta con cura, un uso sempre deciso di sesso e violenza, un linguaggio consono al mondo cinico e severo rappresentato. Tutto ciò, nonostante qualche piccola fase di stanca, qualche difetto congenito insito nella natura seriale che si traduce in un ritmo forse meno sostenuto di quanto era lecito aspettarsi.
A Westeros, le teste continuano a cadere come foglie, ma non è l’inverno che minacciava di portare con sé creature millenarie narrate in storie d’altri tempi. I freddi venti del Nord tarderanno ad alzarsi, bisognerà attendere per vedere il primo fuoco dei draghi. Se ai lettori dei romanzi era noto il prosieguo del racconto, per i telespettatori la trama diventa più articolata e i tanti pretendenti al trono fanno presto capire che sarà una stagione intermedia in cui conosceremo personaggi che devono ancora giocare un ruolo fondamentale nella storia. Uno di loro è Stannis Baratheon, fratello di re Robert e suo legittimo erede. Con lui Melisandre, i compagni di viaggio di Arya, i tredici di Qarth, i Greyjoy delle Isole di Ferro. Nuovi interpreti, nuovi patti e scontri fratricidi tra le casate che si preparano alla guerra. Ad Approdo del Re diventano più fitti gli intrighi di corte mentre, in tutto il reame, storie d’amore distraggono re e cavalieri dalle loro battaglie. Ma la seconda di Game of Thrones è soprattutto la stagione dei comprimari: uomini (e donne) d’onore, mercenari, traditori e umili servitori, si ritagliano uno spazio importante, rubano spesso la scena ai protagonisti e, meglio di loro, incarnano virtù e viltà del popolo dei Sette Regni. Restano in secondo piano anche la magia e il soprannaturale. Non sono sempre presentati con grandi soluzioni visive ma (re)introdurli con moderazione è utile a preservare l’aura più leggendaria che hanno nei racconti diegetici e, come al termine della prima stagione, sono funzionali ad alimentare l’interesse per il prossimo capitolo.

Sul difficile confronto tra libro/i e trasposizione televisiva potremmo dire che, a fasi alterne, si bilanciano meriti e demeriti di entrambi. Molti passaggi di A Clash of Kings, pur riassunti o modificati, sono ben girati. Altri, anche identici al romanzo, sono meno entusiasmanti. Senza grandi sussulti, seguiremo, ad esempio, il cammino di Khaleesi nel deserto e quello di Jon Snow oltre la Barriera. Nonostante quasi un’ora per ciascun episodio, in alcuni di essi è come se non ci fosse abbastanza tempo per raccontare tutto ciò che Martin amava descrivere dettagliatamente. In altri momenti – paradossalmente – le migliaia di pagine scritte dall’autore americano non evitano quella sensazione di vuoto narrativo che si avverte a ¾ di stagione in quasi tutte le serie-tv, quando sembra palese la necessità di “allungare un po’ il brodo” per concentrare l’azione nel finale ad effetto (caso eclatante, in questo senso, la seconda stagione di The Walking Dead). Ad ogni modo, come già detto, i tanti pregi rendono perdonabili alcune scelte infelici e il finale ripaga le flessioni precedenti. Meriterebbe una recensione a parte proprio il paragone tra gli episodi 9 delle due stagioni che oltre ad essere i migliori, sono equivalenti, speculari, carichi di simbolismi (per come ribaltano le prospettive di alcuni personaggi) e chiudono rispettivamente le stagioni prima che l’ultimo episodio faccia da introduzione a quella successiva.

Rivedremo la serie a primavera 2013. Ora che il gioco dei troni è entrato nel vivo, per i fan sarà davvero un lungo inverno.

Il trono di spade – Season 2
4 1 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly