adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il dittatore

lunedì 18 Giugno, 2012 | di Leonardo Cabrini
Il dittatore
Speciale
0
Facebooktwittermail

Sacha Baron Cohen. Fine del rodaggio
Buio in sala, sullo schermo appare un epitaffio: “Questo film è dedicato alla memoria di…Kim Jong-il”. Tiriamo un sospiro di sollievo, Sacha Baron Cohen non è cambiato, non ha ceduto alla tentazione di ammorbidirsi costruendo la solita epigrafe che, in quanto “soglia del testo”, risulterebbe estranea all’impianto narrativo rivelandosi unicamente quale manifestazione reale dell’autore. No, ne Il dittatore l’ironica dedica al despota nordcoreano ha una mera funzione introduttiva, e ci fa immediatamente comprendere il tono e le tematiche del film.

A differenza di Borat (e in parte anche del più recente Brüno) che si adoperava nello svelamento dei rottami di una nazione giocando con l’ambiguità del linguaggio documentaristico e della Candid Camera, nel suo ultimo lavoro Sacha Baron Cohen decide di giocare la carta della fiction scommettendo unicamente sulla scorrettezza politica tipica del proprio stile.
Ed è una storia densa, quella raccontata nella vicenda, popolata dal più idiota dei carnefici: il generale Aladeen, governatore di uno stato fittizio situato nel nordafrica. Idiota perché non ha nulla della genialità machiavellica dei “colleghi”, anzi, pare voler a tutti costi far parte del coro agendo per imitazione dei propri modelli: circondato da prostitute (ovvero da donne dello spettacolo), condanna a morte chiunque a proprio piacimento, ma soprattutto si incaponisce nel portare avanti progetti di costruzione di armi nucleari. Per quest’ultimo motivo viene convocato a New York dalle Nazioni Unite non senza essere bersagliato da manifestanti d’ogni genere. Ma si sa, basta un collaboratore doppiogiochista, un sosia (elemento fondamentale per ogni narrazione di stampo complottista) e la congiura è fatta.
Ma c’è un piccolo particolare: Aladeen, come Bin Laden, ha una barba folta che lo contraddistingue. Tolta quest’ultima (come i Baziniani baffetti di Hitler) l’elemento iconografico svanisce e con questo la propria credibilità.
La densità tematica della vicenda ci fa subito comprendere la capacità del comico britannico di costruire una storia dall’innegabile verve comica. Con Il dittatore, però, non ci troviamo unicamente dinanzi ad una parodia che si adopera come cinica volontà di rappresentare la stupidità dell’intero genere umano, non solo delle élites. Per questo abbiamo già Trey Parker e Matt Stone con il loro sporco lavoro; riguardo a ciò la contestatrice vegan-eco-femminista interpretata dalla Anna Faris di Scary Movie, ad esempio, potrebbe tranquillamente ritrovarsi inclusa in un episodio di South Park.
Tuttavia, l’assoluta particolarità de Il dittatore coincide con la definitiva attestazione di un personaggio, con i propri tic, le proprie particolarità, il proprio mondo fittizio (e il proprio rapporto con esso). Non importa il linguaggio scelto (ovvero non importa se si tratta o meno di fiction, di riprese dal vero, di ambiguità fra generi) come non importano le differenze iconografiche dei vari personaggi esposti nei precedenti lavori. Il dittatore rappresenta, per l’icona Sacha Baron Cohen, la decisiva fine del rodaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly