adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Cofanetto Jean-Luc Godard

giovedì 5 Luglio, 2012 | di Margherita Merlo
Cofanetto Jean-Luc Godard
Inediti
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

We want the revolution, now!
La Ripley’s Home Video, con il costante contributo delle puntuali analisi di Federico Rossin, continua la lodevole campagna nel diffondere a macchia d’olio l’opera di Jean-Luc Godard, immettendo nel mercato un ulteriore prezioso cofanetto, in questo caso tre mediometraggi degli “anni Mao” del cineasta francese, il periodo 1969-1972.

Si tratta di un cinema spregiudicatamente impegnato, il pensiero rivoluzionario messo in immagini ad opera del collettivo riconosciuto come “Gruppo Dziga Vertov”. Il risultato è una parabola attraverso l’Europa che qui raccoglie tre dei sette film realizzati in diversi paesi per portare avanti delle ideologie ben precise. Ecco l’Inghilterra in British Sounds, sei segmenti si danno il cambio in una giostra di idee mostrate senza fretta, lasciando ad ognuna il tempo per ripetersi ed attecchire nella mente di chi osserva. Praga è protagonista di Pravda, dove viene disegnata la situazione della rivoluzione socialista, manifestando attraverso la (ir)realtà comunista la vera condizione della Repubblica Ceca. Lo sguardo poi si lascia rinchiudere dai nostri confini: Lotte in Italia è una lunga riflessione ad opera di Paola Taviani sulla lotta di classe, toccando questioni care al Gruppo, come il lavoro, la sessualità, il passaggio dalla teoria alla pratica.
Tre visioni allacciate, bacini a loro volta di altrettante riflessioni che nascono e si moltiplicano senza sosta, un viaggio con la fedele macchina da presa sempre in spalla per lasciare da parte il cinema d’autore e dedicarsi senza freni alla ricerca estetico-politica.
Oltre il contrasto, oltre la polemica che ne deriva, oltre le condizioni esplicitate, l’idea comune ai tre lavori è la tensione verso la rieducazione. Dagli intellettuali borghesi alla famiglia conscia della propria condizione, la figura simbolo per questo presupposto si materializza nel bambino di British Sounds, anzi appunto nella sua voce off non localizzata nell’immagine, spronata a ripetere date e avvenimenti, l’innocenza educata come chi osserva. Ma cos’è che vede realmente lo spettatore? Sotto i suoi occhi si dipana il punto di vista di un collettivo, quindi dello stesso Godard, compositore di cinema per eccellenza. Ne sgorga una sinfonia carica di immagini che lottano contro i suoni, un montaggio che si fa carico di diventare interprete di realtà complesse, segmenti alternati, un collage di materiali eterogenei che giocano con rimandi, assonanze, dissonanze, colori, ombre e lingue. Il rosso pervasivo e baldanzoso impone la propria presenza, in Lotte in Italia si contano sulle dita di una mano le inquadrature dove viene escluso, si fa inchiostro per scrivere parole, bandiera della sinistra rivoluzionaria, sciarpa al collo di una giovane donna che analizza le proprie contraddizioni tra esigenze borghesi e aspirazioni rivoluzionarie.
Benchè commissionati per la televisione, l’Inghilterra e l’Italia si rifiutarono di mandare in onda i loro corrispettivi episodi. I semi della rivoluzione però sono duri a morire, possono restare sopiti in attesa per anni, risvegliandosi poi dopo decenni senza aver perso freschezza, misurando il proprio cambiamento per evolversi ancora di più, trovando nell’epoca digitale chi ha la voglia e la forza di ridargli prestigio.
Essere espressione della lotta attiva, agendo contemporaneamente sul piano linguistico, portando avanti sempre e comunque un unico messaggio: che la lotta di classe non abbia mai fine.

VOTA IL FILM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly