adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La leggenda del cacciatore di vampiri

lunedì 23 Luglio, 2012 | di Maria Cristina Andrian
La leggenda del cacciatore di vampiri
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Fuori le zanne
Una parte della filosofia orientale propone l’idea della vita intesa come una ruota in cui tutto gira, per poi tornare al punto di partenza. Se Sthephanie Meyer in Twilight usa l’elemento del vampirismo come mero pretesto per narrare una – pur intensa – storia d’amor proibito, il film di Timur Bekmambetov ha il pregio di ricollocare la figura del non-morto a confine tra fascino gotico e orrore sanguinolento, laddove lo avevano lasciato Bram Stoker o Anne Rice.

I vampiri che il giovane Abramo Lincoln affronta, molto per vendetta personale visto che gli hanno ucciso la madre e un po’ per spirito di giustizia, sono seducenti ma zannuti, eleganti ed intelligenti, però spietati. Non c’è un eccessivo spazio per il sentimentalismo o la retorica dei sentimenti, la cosa importante è imbracciare l’ascia (che diventa fucile all’occorrenza) e far fuori quanti più mostri possibile. Se il film non diverrà, forse, una pietra miliare del cinema horror, si deve comunque rendere merito a Bekmambetov di essere riuscito a narrare una storia avvincente, conducendo in maniera efficacissima i suoi personaggi a cavallo di un burrone, in mezzo ad una lotta furiosa o dentro un’elegante casa colonica infestate da creature munite di zanne. L’immagine del Sud che il film trasmette è quella di un mondo dove il bianco del cotone è inzuppato nel rosso del sangue, con i Sudisti rei di essere alleati dei vampiri, e in un certo senso vampiri essi stessi, pronti a succhiare la vita dei loro schiavi costringendoli a lavori massacranti. Proprio quando, però, la questione potrebbe approfondirsi, il regista – non si sa quanto volutamente – svicola e riporta la narrazione su un piano più semplificato. L’assenza di un’indagine più profonda nuoce lievemente alla struttura narrativa, perché lascia i personaggi pericolosamente vicini a delle caricature di sé stessi. Rischio scongiurato tuttavia da un cast senza infamia e senza lode, ma capace di amalgamarsi quel tanto che basta per diventare credibile. Unica eccezione su tutti è Rufus Sewell, che come al solito brilla riuscendo a conferire un’allure di perfidia snob al suo personaggio, Adam. In quanto al 3D, come nel 99% dei film, non aggiunge nulla e nulla toglie ad un lavoro che spezza la sconcertante calma piatta della programmazione estiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly