adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Quando l’Italia non era un paese povero

domenica 29 Luglio, 2012 | di Giulia Zen
Quando l’Italia non era un paese povero
Festival
0
Facebooktwittermail

Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura Cinematografica, Gorizia, 19-28 luglio 2012

Quando l’arte si rivela scomoda
Il fascino del mezzo cinema non deriva solamente dalle storie e dai personaggi cui può magicamente dare vita, ma anche e forse più di tutto dal periodo storico che rappresenta. Ogni fattore di realizzazione di un film – budget, produzione, distribuzione, censura… – raffigura un sintomo dell’epoca in cui esso si è sviluppato, cosicché anche l’iter dell’opera stessa può diventare un tassello di conoscenza e di memoria storica.

Come noi siamo stati ammaliati dalle rocambolesche vicende di molti film (pensiamo ad esempio a quella di Metropolis), così lo è stato Stefano Missio per il documentario di Joris Ivens, L’Italia non è un paese povero, a tal punto da dare vita egli stesso nel 1997 al documentario (proiettato durante il 31° Premio Amidei) Quando l’Italia non era un paese povero, sulla cosiddetta “scomparsa” della copia originale del primo.
Nel lontano 1959, il presidente dell’Eni Enrico Mattei affida al maestro olandese, con scopi chiaramente propagandistici, la produzione di un documentario sullo sviluppo dell’industria petrolifera italiana, con la collaborazione dei fratelli Taviani, di Valentino Orsini e di Tinto Brass. Si tratta di una fotografia particolarmente cruda e severa dell’Italia dell’epoca, un paese contadino che si sta concedendo alla modernizzazione, ma in cui contemporaneamente si denuncia ancora una grande povertà. Il film è suddiviso in tre capitoli: Fuochi della val Padana e Due città diretti da Ivens, e Appuntamento a Gela dei Taviani.
Dopo molti mesi di lavorazione accurata e puntigliosa, la RAI (a causa di palesi influenze politiche) si rifiuta di trasmettere integralmente il film, mandandolo infine in onda censurato sotto il titolo di Frammenti di Ivens. Un infuriato Ivens, abbandonato proprio da quel sostegno politico che gli commissionò il film, decide così di trafugarlo e, con l’aiuto di Brass, la pellicola raggiunge Parigi.
“Ho chiamato tutti i testimoni dell’epoca per raccontare un film che non si è mai visto”, spiega Missio; così, come un moderno Harrison Ford alla ricerca del – si può proprio dire – tesoro perduto, tramite testimonianze, ricerche, analisi, ripercorre la vita dell’opera, in modo da poterle ridare quell’onore che spetta non solo alla memoria storica italiana, ma anche ad una firma del più grande documentarista della storia del cinema.
Se in quel 1997 Stefano Missio si fosse autoeletto difensore ufficiale delle pellicole “misteriosamente” perdute o censurate, diciassette anni dopo avrebbe ancora molto lavoro da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly