adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Tavola rotonda su cinema e informazione

domenica 29 Luglio, 2012 | di Michele Galardini
Tavola rotonda su cinema e informazione
Festival
0
Facebooktwittermail

Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura Cinematografica, Gorizia, 19-28 luglio 2012

Alla ricerca della verità perduta
Nell’Italia della disinformazione di Stato, a volte il cinema opera un ruolo più importante di quello che da sempre gli viene attribuito dal pubblico e dalla critica.

È successo negli anni con Umberto D di De Sica che generò l’ormai celebre frase dell’allora ministro Andreotti “i panni sporchi si lavano in famiglia”, con Gomorra nel 2008 che suscitò talmente tanto disprezzo da parte dell’establishment politico che Berlusconi osò addirittura affermare che, senza un certo cinema ed una certa letteratura, la mafia italiana non sarebbe stata così tanto famosa.
Con il primo ormai sublimato in ectoplasma e il secondo relegato alle seste pagine dei giornali, nel 2012 è toccato all’informazione “ufficiale” prendersi in carico il peso culturale e sociale di due film usciti a pochi mesi di distanza l’uno dall’altro: Diaz – Don’t clean up this blood di Daniele Vicari e Romanzo di una strage di Marco Tullio Giordana.
Da qui, cioè dalle modalità con cui in questi due casi l’informazione ha recepito e rielaborato il linguaggio cinematografico, si è aperta la tavola rotonda svoltasi giovedì mattina a Gorizia all’interno del 31° Premio Sergio Amidei con protagonisti Emanuele Scaringi, uno dei quattro sceneggiatori di Diaz e tre giornalisti “interessati” come Roberto Kovac, Igor Devetak e Maurizio Bekar.
Si è capito fin dalla prima domanda di Kovac che il problema fondamentale avrebbe riguardato la divisione degli ambiti di indagine dei due medium: “che tipo di film è? Un film-inchiesta, un film-documentario, un film militante?”. Un quesito tanto ampio quanto semplice da dirimere visto che lo stesso Scaringi lo risolve con tre semplici parole (“è un film”), mentre Devetak ne descrive gli intenti, al di là delle etichette di genere, con la formula mista di “cronaca dell’orrore”.
Qualcuno si ricorderà dei tanti articoli usciti nei giorni vicini all’uscita nelle sale del film e delle altrettante mancanze che ciascun giornalista aveva scovato nell’opera, come quella di aver taciuto i nomi delle vittime e dei carnefici (Vittorio Agnoletto su Il Manifesto).
L’editoria giornalistica non specializzata che chiede al cinema di farsi cronaca, prescindendo dalla legittimità artistica di una scelta, e giudicando un film alla luce di una presunta “mancanza di verità” è un limite che credevamo invalicabile. Chi, come Ezio Mauro e Adriano Sofri hanno attaccato Romanzo di una strage perché storicamente falso o chi ha visto in Diaz solamente il vaso di Pandora della rabbia giovanile nei confronti di uno Stato anti-democratico, probabilmente pensa che “ognuno debba fare il suo lavoro”, e che ogni medium debba operare esclusivamente all’interno del suo hortus conclusus.
Un pensiero giustissimo che però tradisce il suo intento. Cinema e informazione devono sì operare ognuno attraverso i codici che gli sono propri, ma senza mai negare all’altro dignità e autorevolezza. Con Diaz e Romanzo di una strage questo patto è stato momentaneamente sospeso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly