adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Premio “Sergio Amidei” 2012: omaggio a Marcel Pagnol

lunedì 30 luglio, 2012 | di Filippo Zoratti
Premio “Sergio Amidei” 2012: omaggio a Marcel Pagnol
Festival
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

31° Premio “Sergio Amidei” – Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura Cinematografica, Gorizia, 19-28 luglio 2012

Il teatro che volle farsi cinema
“Ogni volta che metto mano a un nuovo film mi par d’essere un principiante. È con l’animo più amichevole che auguro a Pagnol di provare la stessa emozione davanti all’incognita che ancor oggi il cinematografo è per noi”. Parole tratte dall’articolo che René Clair indirizzò a Marcel Pagnol nel 1934, dopo che questi aveva espresso la sua volontà di passare dietro la macchina da presa.

Autore, produttore e sceneggiatore, Pagnol oggi viene ricordato come un uomo di teatro amante del cinema. Quando nel 1931 decide di dedicare le proprie energie al mezzo cinematografico, lo fa adattando una sua piéce teatrale di enorme successo, Marius. Alla regia è però chiamato l’ungherese Alexander Korda: Pagnol non si sente ancora pronto, e rimanda l’esordio al 1933, anno in cui girerà Le Gendre de Monsieur Poirier. Quando Marius esce nelle sale il successo di pubblico è immediato. A pochi anni dall’approdo al sonoro, la storia del barista vedovo alle prese con le vicende amorose ed esistenziali del figlio scapestrato dà al cinema francese una vitalità e una crudezza nuove. Non è dello stesso avviso la critica, che semplicemente non capisce e boccia Marius: il mondo avrebbe dovuto sentirsi ancora orfano del Muto, e avrebbe dovuto rigettare questo “teatro in scatola” spacciato per cinema. Fu François Truffaut a rivalutare negli anni Cinquanta l’opera di Pagnol, scrivendo addirittura “nessuno ha mai notato che il Neorealismo italiano, la biancheria sporca lavata per le stradine di Napoli è nata direttamente non dai film di Carné o di Feyder ma da quelli di Marcel Pagnol, cioè da testi teatrali filmati tali e quindi dai loro autori”. Indubbiamente Marius – assieme agli altri due capitoli della cosiddetta “trilogia marsigliese”, ovvero Fanny e César – si lascia apprezzare proprio in virtù delle sollecitazioni da cui deriva: è figlio del cinema muto e della sua forte gestualità e non nasconde la propria natura teatrale, accumulando sequenze che assomigliano a dei veri e propri “atti”. Con questa impostazione, ad emergere è l’attorialità: gli interpreti – i medesimi che avevano fatto trionfare la piéce sul palcoscenico, su tutti Raimu, Pierre Fresnay e Orane Demazis – giganteggiano, aiutati altresì da una grande linearità del racconto e dai dialoghi, brillanti e scorrevoli. In Fanny, che pur resta un film di personaggi, cambia la tonalità: da commedia anticipatrice del neorealismo rosa a melodramma popolaresco, che apre a riprese in esterna ampliando l’effetto di “presa diretta”. Una tendenza che si consacra definitivamente nel conclusivo César (l’unico diretto da Pagnol) in cui il personaggio divenuto principale – Césariot – parte alla ricerca del padre Marius, ben rappresentata attraverso la metafora del viaggio, con lo sfruttamento scenografico di Marsiglia. A distanza di così tanti anni (più di 80!) risulta dunque evidente come sia la posizione di Clair sul cinema parlato (“mostro terribile, creazione contro natura”) che quella di Pagnol (“il cinema parlante è la nuova forma dell’arte drammatica”) fossero imprecise e sghembe in quanto figlie della propria epoca. Se il cinema è un’Arte maggiore, cosa può guadagnare a scendere a patti con le leggi di un’Arte diversa? Molto, moltissimo. La Storia del Cinema, da quel momento ad oggi, ne è stata la piena dimostrazione: il prestito, lo scambio intertestuale e l’imitazione reciproca fra i diversi mezzi di espressione sono stati, sono e saranno, fattori positivi e fondamentali dello sviluppo artistico.

Premio “Sergio Amidei” 2012: omaggio a Marcel Pagnol
4.3 4 85%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly