adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Roba da matti

lunedì 30 Luglio, 2012 | di Carmen Spanò
Roba da matti
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura Cinematografica, Gorizia, 19-28 luglio 2012

Una folle determinazione
Sempre più cinema degli eroi, sempre più cinema degli effetti speciali. Di quelli – i primi – che svolazzano agili tra i grattacieli delle città, fanno gruppo per salvare la terra dall’ennesima invasione aliena, indossano maschere e tutine in latex per meglio assolvere al dovere di angeli custodi dell’umanità. E di quelli – i secondi – che scelgono la scorciatoia della tridimensionalità per stimolare il coinvolgimento di spettatori spesso stanchi e demotivati. Ma c’è chi non ci sta.

E persegue un’idea di cinema diversa, improntata al principio fondante che esso sia – e debba essere – sguardo originale sulle cose, sul mondo, sugli angoli bui della società, che sono come polvere sotto un tappeto di pericolose sovrastrutture. Un cinema che sceglie di farsi testimonianza composta e sincera, essenziale nella sua semplicità scevra da narrazioni iperboliche e visioni inebrianti, che con coraggio si “mette a servizio” del reale e del meraviglioso che ne caratterizza la quotidianità. Siamo a Quartu Sant’Elena, in Sardegna, nella residenza denominata Casamatta. Fondatrice di questa struttura, istituita sulla base dei principi ispiranti la Legge Basaglia del 1978, è Gisella Trincas, donna piccola ma agguerritissima, dalla disarmante carica energica, che da ben diciassette anni dirige un “unicum” nel panorama socio-assistenziale italiano. Insieme a lei, armate di pazienza e operosità, altre operatrici concorrono a fare di Casamatta un luogo di amorevole accoglienza per otto persone insidiate da un male subdolo e sottile, condizione esistenziale percepita come irreversibile destino di emarginazione e solitudine. Qui, nel 2009, entra la mdp di Enrico Pitzianti, un occhio lieve e attento che per tre mesi si aggira tra le stanze e gli umori di una famiglia allargata, registrando gioie e sorrisi, lacrime e scoramenti, fino a diventare presenza amica tra le innumerevoli difficoltà di ogni giorno. Dalle piccole occupazioni dentro e fuori la casa al rapporto di affetto incondizionato operatrici-pazienti, dai dignitosi tentativi di personale inserimento sociale all’intimità straziante della confessione/sfogo – un vero “a tu per tu” con la macchina da presa – il documentario di Pitzianti individua una via di accesso privilegiata a quell’universo “altro” che è la realtà dei malati mentali. In essa, le sfumature del disturbo raccontano storie individuali e “dicono” di potenzialità sconosciute, impossibili da ridurre in omologanti categorie di mero uso strumentale. Casamatta è una casa “speciale” con esaltanti aspirazioni da casa “normale”: la normalità è l’esigenza primaria di vedersi riconosciuto il diritto alla ricerca della felicità. Si comprende, e tanto più si apprezza in quest’ottica di realizzazione delle singole individualità, la scelta del regista di intrecciare le storie dei residenti di Casamatta con gli ostacoli affrontati dalla Trincas e la sua squadra in seguito a un’ingiunzione di sfratto e alle accuse, infamanti, di maltrattamenti sui pazienti. In un’escalation di tensione emotiva, acuita da un uso funzionale del montaggio – a situazioni di distensione all’interno della casa si alternano immagini di profonda angoscia palpabile sui volti di Gisella e delle operatrici – su Casamatta si riversa la lava corrosiva del pregiudizio e della paura, resa ancora più incandescente dall’incapacità mentale all’ascolto e alla comprensione (l’associazione è ancora alla ricerca di una nuova casa). Nella lotta con il mondo esterno, la granitica determinazione della Trincas riesce a ristabilire le coordinate etiche entro le quali ravvisare la pazzia e segna punti a suo favore contro mostri fagocitanti come l’ignoranza e la cecità mentale – ed è una Trincas fiera e gioiosa quella che comunica agli spettatori, a fine proiezione ufficiale del film in una sala commossa ed entusiasta, che le accuse di maltrattamenti e di esercizio abusivo della professione medica sono state smontate. Perché si potrà anche arrivare a scomunicare in diretta, e in nome di Dio Padre, un’invasiva macchina da presa (il filmare è sempre un atto “sovversivo”, dopotutto…). Ma chiudere gli occhi, distogliere lo sguardo, rifiutare aprioristicamente di guardare, e così cercare di capire, una realtà estranea ai contorni rassicuranti e definiti del proprio orizzonte di riferimento, questa sì che è l’unica, vera, ingiustificabile “roba da matti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly