adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Ja Tozhe Hochu (Me Too)

domenica 9 Settembre, 2012 | di Massimo Padoin
Ja Tozhe Hochu (Me Too)
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Speciale 69° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

ORIZZONTI
La ricerca della felicità
Come può essere rappresentata la ricerca della felicità? Come un viaggio interiore nel quale il percorso personale è indice del proprio cammino allegorico? E se invece la felicità fosse presente in un luogo, fisicamente, e individuabile nel perimetro di una zona delimitata?

Questo è il fulcro narrativo di Ja Tozhe Hochu, tradotto Me Too, pellicola russa che mette al centro la ricerca di una cattedrale, situata in una zona recintata e dall’alto tasso radioattivo, dove si dice trasporterà alla felicità le persone che meriteranno di riceverla. Se alla base è chiaro il riferimento a Stalker di Tarkovskij, il tono e il modo sono diametralmente opposti a quelli del maestro russo. Balabanov, autore della pellicola, realizza quella che sembra essere una sgangherata commedia umana (negando però l’uso dell’ironia per un determinato fine), dove l’andamento sta a metà tra Kaurismäki (nei silenzi del suonatore folk, la cui seriosità viene interrotta più volte da azioni d’ilarità non voluta) e Kusturica (in alcune sonorità alla Bregovic utilizzate in contrapposizione a situazioni di caos o di stasi narrativa). Se le riflessioni di Tarkovskij si basavano sull’attraversabilità di uno spazio altro e misterioso, nel quale il giungere a destinazione era un percorso di conoscenza personale sulla reale necessità di ottenere il desiderio, l’uso della jeep come mezzo di trasporto da parte dei protagonisti di Me Too nega divertitamente tutto questo, e il viaggio diventa semplice ricerca della strada che porta a destinazione. Le stesse motivazioni che spingono i protagonisti a cercare il luogo si fermano all’affermazione del titolo, Me Too (anche io), unica spinta che non li porta mai a riflettere sul senso della ricerca della felicità, considerato semplice obiettivo d’itinerario. Balabanov però non mostra solo di realizzare un’opera che si pone di traverso a quella di Tarkovskij ma, al contrario, quando i protagonisti giungono alla cattedrale, il senso dello spazio e le icone presenti nell’edificio richiamano direttamente all’Andreij Rublev. Me Too si presenta come una pellicola che rielabora ironicamente le basi tarkovskijane senza per questo tradirle o parodiarle, ma cogliendone degli elementi e interiorizzandoli nel proprio cinema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly