adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Preghiere profane

lunedì 10 Settembre, 2012 | di Ilaria Feole
Preghiere profane
Editoriale
0
Facebooktwittermail

«Pray hardcore, pray super hardcore» suggeriscono le amichette del gruppo di preghiera a Selena Gomez, prima di lasciarla partire per le vacanze primaverili con un trio di compagne debosciate in Spring Breakers. Pregare fortissimo, pregare gridando come Isabelle Huppert in Bella addormentata, non basterà ad attirare l’attenzione di Dio sulle vicende delle piccole natural born killers in passamontagna rosa di Harmony Korine, né servirà a risvegliare la principessina bionda tenuta in vita da una macchina nel film di Bellocchio.

Nella Mostra che ha incoronato la Pietà di Kim Ki-duk, il filo rosso di un rosario disperato lega le opere di autori dalle cinematografie distanti anni luce tra loro e l’assenza di Dio risuona assordante, rinchiusa tra gli angusti confini dello schermo. Sotto la superficie della ferocia e della provocazione c’è un vuoto più grande: oltre, al di là del crocifisso diventato strumento di peccaminoso piacere in Paradies: Glaube; più a fondo della passione che distoglie la “suora” Alba Rohrwacher dalle barricate dove si strilla “agli assassini” di Eluana Englaro; più in profondità del velo di finzione che copre la genesi di Scientology nell’immenso The Master, è lì sotto che sta il vuoto da riempire. Fill the Void, recita il titolo della bella opera prima israeliana in cui la vincitrice della Coppa Volpi, come tanti altri protagonisti di questo 69° Concorso, invoca un Dio sordo e assente. Lo fa anche Javier Bardem, prete dal cuore svuotato nel fragile To the Wonder: il cinema ha perso la fede. Il vuoto permea la religione fittizia creata dal titanico Philip Seymour Hoffman in The Master, costeggia le immagini patinate di un Terrence Malick che ha smarrito la Grazia, nutre la gioventù sbruciacchiata di Spring Breakers. Dio è morto, gli ideali sono morti (Après Mai di Assayas e The Company You Keep di Redford, improbabili eppure perfette metà di un unico discorso, lo declamano con amara asciuttezza) e neppure noi ci sentiamo troppo bene. Non ci resta che la fede nel cinema: quello che ancora brucia lo schermo, lo invade di fiamme come nella bellissima sequenza di Après Mai in cui il Sessantotto, dopo essere entrato dalla finestra in The Dreamers, da un’altra finestra si butta trovando la morte. Così, più delle preghiere strillate e delle barricate pro vita, risuona nella Mostra veneziana un umanesimo incandescente e cupo: le sequenze in cui si squagliano l’eleganza kubrickiana di Paul Thomas Anderson e la simmetria gelida di Ulrich Seidl, per lasciare spazio al corpo a corpo. All’umanità, nuda e cruda, privata delle sue confortanti sovrastrutture, una massa di figurine stagliate sotto uno strappo nel cielo di carta. Personaggi rabbiosi come il Joaquin Phoenix di The Master, imperfetti, crudelmente umani, che lanciano dallo schermo una preghiera hardcore e profana: quella del cinema che riparte dall’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly